MARTINSICURO – “Qualche settimana fa il nostro quartiere ha rischiato l’ennesima alluvione, come già accaduto negli anni 70, e da allora tutto è passato come se non fosse successo nulla”. I cittadini di Campo Casone, il quartiere di Villa Rosa a confine con il torrente Vibrata, chiedono all’amministrazione comunale interventi di manutenzione sul corso d’acqua per evitare in futuro che si ripetano rischi come quelli corsi con l’ondata di maltempo dei primi di marzo.

“Il torrente Vibrata ha rischiato di tracimare e solo un miracolo ci ha salvati – si legge in una nota a firma del Comitato – Per molti, troppi anni non è stata fatta alcuna manutenzione nel letto del torrente Vibrata e le forti piogge che hanno causato le recenti esondazioni, non paragonabili a fenomeni straordinari e imprevedibili come i terremoti, si possono e si debbono sicuramente prevenire”.

I residenti del quartiere chiedono quindi interventi tempestivi e chiamano in causa non solo l’amministrazione comunale, ma anche il Genio Civile, la Provincia di Teramo e la Regione Abruzzo, affinchè intervengano per mettere in sicurezza il Vibrata. “Questa operazione potrebbe essere fatta a costo zero – aggiungono – dato che diverse ditte sarebbero interessate ad asportare dal letto del torrente sabbia e ghiaia, che sicuramente hanno un valore economico,  ottenendo di conseguenza un ricavo dalle stesse. Chiediamo a tutti gli organi preposti – conclude la nota – di farsi carico delle proprie competenze, onde evitare in futuro disastri annunciati”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 128 volte, 1 oggi)