SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Due violentissime risse fra stranieri, in luoghi pubblici, nel giro di poco più di 48 ore. Come la vede il sindaco uscente Giovanni Gaspari?
Sabato mattina, nella tradizionale conferenza stampa, ha commentato così: “I protagonisti sono giovani arrivati da pochissimo tempo in Italia, ancora senza dimestichezza con la lingua, non riescono ancora a capire che in uno stato di diritto le questioni non si risolvono così, a suon di spranghe. Questi sono episodi che non fanno bene alla convivenza e alla integrazione, a quella che sta diventando una realtà sempre più multietnica come la nostra”.

Per evitare che insorgano sentimenti di razzismo, sempre latenti, afferma il sindaco mostrando equilibrio, “c’è bisogno che non vengano alimentati pregiudizi e rabbia. Nei confronti di chi commette reati del genere, indipendentemente dalla sua nazionalità, deve essere usata la massima determinazione e intransigenza”.
E infine: “La gente sceglie San Benedetto perché è una delle città più sicure delle Marche, non possiamo consentire che avvengano fatti del genere. C’è stato un pronto intervento delle forze di Polizia, e di questo sono grato a loro. Ai giovani albanesi protagonisti di quella rissa, dico che chi viene in Italia per comportarsi così deve subito tornare in patria”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 735 volte, 1 oggi)