TORTORETO – Arrestato il rapinatore che nel mese di febbraio avrebbe messo a segno due colpi nelle edicole sul lungomare di Tortoreto. Si tratta di un libico di 29 anni, Makram Knis, pregiudicato residente a Tortoreto, nei confronti del quale i Carabinieri della locale stazione hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip Marina Tommolini (su richiesta del pm Bruno Auriemma). L’uomo inoltre risultava agli arresti domiciliari a Tortoreto su sentenza del Tribunale di Fermo, ma essendo uscito per compiere le rapine, nei suoi confronti è anche scattato l’arresto per evasione.

In base agli elementi riscontrati al termine delle indagini, l’extracomunitario è stato identificato come l’autore delle due rapine avvenute a febbraio in due edicole di Tortoreto. I colpi erano stati effettuati da un uomo incappucciato che, su minaccia di un coltello, si era fatto consegnare dagli edicolanti l’incasso, per un totale di circa 500 euro. Poi era fuggito a bordo di una bicicletta, facendo perdere le proprie tracce. Il coltello utilizzato nelle rapine era invece stato trovato dai Carabinieri nel giardino di una villetta nei pressi di una delle edicole: il rapinatore si era liberato dell’arma gettandola durante la fuga. Grazie alle segnalazioni i militari avevano individuato il libico, ma determinante per l’arresto sono stati gli elementi rinvenuti a seguito della perquisizione domiciliare. Nel suo appartamento infatti sono stati trovati gli indumenti e il berretto che indossava il rapinatore, la bicicletta e una serie di coltelli della stessa marca ma di diversa taglia in cui mancava proprio quello ritrovato dai Carabinieri. L’uomo è stato quindi arrestato e rinchiuso del carcere di Castrogno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 112 volte, 1 oggi)