Marco Calvaresi. L’altro giorno alla conferenza stampa di presentazione da parte del capolista Carlo Di Giovanni (giornalista di TeleAdriatica), il neo candidato sindaco per il comune di San Benedetto del Tronto ha detto, fra l’altro: “Ci sono state delle polemiche con un giornale, ma io chiedo formalmente scusa a Riviera Oggi; se ho commesso errori li ho fatti in buona fede. Lo farò presente a Perotti, nel frattempo lo dico al giornalista Panichi“.
Ha quindi suggellato la ritrovata armonia stringendo la mano al nostro redattore.
Mi ha fatto molto piacere ma non per la soddisfazione di aver ricevuto le scuse che fanno più onore a Marco Calvaresi (ora starà sicuramente meglio) che a noi, bensì perché, pur non avendo mai peli sulla lingua, “pretendiamo” dagli altri risposte piccate, anche cattive, ma non prese di posizione che puntano semplicemente a punire (un verbo che non mi è mai piaciuto perché poco umano) e non a costruire.
Nell’attesa di stringere personalmente la mano a Calvaresi, gli auguro un forte impegno finalizzato a costruire qualcosa di veramente utile per la città di San Benedetto.
Ricordando a lui come a tutti gli altri che la trasparenza delle candidature (ma anche durante l’incarico al quale si propongono) e la certificazione delle promesse saranno due nostri cavalli di battaglia per i quali i cittadini ci hanno dato… mandato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 641 volte, 1 oggi)