GROTTAMMARE-TOLENTINO 2-1 (1°T.0-0)
GROTTAMMARE : Pompei (93), Oddi (46′ Orlandi), Monaco, Faraone , Attorresi, Chiavaroli , Nardini, Traini , Ludovisi, Oresti (81′ Fanesi ), Allevi (92)- (55′ Falà 92). A disposizione: Vaccarini, Colletta (92), Sulejmani (92) e Cataldi (92). Allenatore: Giuseppe De Amicis
TOLENTINO: Caracci (92), Sbrollini (91)- (70′ Verdolini), Iommi, Mauro Puglia, Capparuccia  Fermani , Casoni (51′ Marcoaldi-70′ Aquilanti 92), Iacoponi, Tonici , Panti, Melchiorri. A disposizione: Armellini , Ortolani, Pistelli (93) e Serafini (92). Allenatore: Roberto Mobili.
Arbitro: Mario Paoletti di Ascoli Piceno coadiuvato dagli assistenti: Giuliano Ciabattoni e Luca Quintili, anch’essi entrambi di Ascoli Piceno. Il direttore di gara senza entrare nei singoli episodi, ha dimostrato grande polso e personalità mantenendo il controllo di una gara difficile con sicurezza nelle decisioni prese.
Reti: 62′ Traini (G) su rigore, 81′ autorete di Falà (T), 91′ Ludovisi (G) su rigore
Espulsi: 68′ Mauro Puglia (T), rosso diretto per colpo a gioco fermo su Oresti, 80′ il tecnico De Amicis (G) per proteste, 87′ il vice allenatore Carinelli (T) per proteste, 90′ Verdolini (T), rosso diretto rosso diretto per aver fermato fallosamente una chiara occasione da gol.
Ammoniti: Faraone (G), Chiavaroli (G), Attorresi (G), Sbrollini (T) e Capparuccia (T).
Angoli: 4-6.
Recuperi: 1’+4′.
Spettatori: 200 circa, di cui circa 50 quelli provenienti da Tolentino (Macerata) e sistemati nella tribuna centrale del Pirani e non nel settore ospite rimasto deserto.
Annotazioni: Grottammare in casacca bianca con bordini azzurri, Tolentino nella tradizionale tenuta cremisi.
Curiosità: -La gara d’andata giocata al Della Vittoria finì 0-2 per il Grottammare (22′ Ludovisi su rigore e 63′ Traini) allora allenato da Malloni e in quell’occasione il Tolentino perse l’imbattibilità (stagionale ed interna) e quella che fino ad oggi era l’unica sconfitta stagionale per i cremisi.
-Le due squadre in questa stagione si sono incontrate anche in Coppa Italia, al Pirani, dove vinse il Tolentino per 1-3 (9’ Capparuccia (T), 16’ Traini [G], 48’ Capparuccia , 65’ Melchiorri ) .
-La gara giocata al Pirani la scorsa stagione era finita invece 0-1 (78′ Ortolani) per i cremisi.
-Al Grottammare, a partire dalla gara odierna mancheranno per 4 gionate gli squalificati Adamoli e Corradetti fermati dal giudice sportivo pur senza essere stati espulsi in campo, dopo i fatti avvenuti nel fine gara di Lucrezia.

GROTTAMMARE- Continua la grande risalita del Grottammare calcio, al suo terzo successo consecutivo (dopo quelli in casa con la Sangiustese e sul campo del Real Metauro), nonchè quarto risultato utile di fila, che ha battuto tra le mura amiche del Pirani , il Tolentino , il quale giungeva da 18 risultati utili consecutivi (striscia iniziata proprio dopo il ko interno dell’andata contro il Grottammare).

Statisticamente bisogna evidenziare che la squadra tolentinate finora in questa stagione ha perso soltanto due partite ed in entrambe è stata battuta dal Grottammare. Infatti i rivieraschi all’andata al Della Vittoria, con uno 0-2 interruppero l’imbattibilità interna dei cremisi, mentre col 2-1 odierno gli hanno interrotto l’imbattibilità esterna e forse anche le speranze di agganciare la vetta (che ora dista 10 punti) della classifica e dunque di lottare per la vittoria finale dell’Eccellenza Marche 2010/11.
Ma se il Tolentino è ormai lontano dal primo (-10) e secondo posto (-9) non è certo per i 2 ko rimediati finora, tra l’altro 2 come quelli dell’Ancona , davanti ai 3 della Fermana, la causa del distacco semmai sono i troppi pareggi accumulati nel corso della stagione dai cremisi: ben 13.
Come all’andata a decidere la partita sono state le reti stavolta ad ordine inverso di Traini (al terzo centro stagionale contro il Tolentino considerando anche il gol in Coppa Italia) e Ludovisi (segnò su rigore anche a Tolentino).

Primo tempo equilibrato, ripresa di marca locale in cui i biancocelesti hanno fatto gioco e avuto le maggiori occasioni, mettendo alle corde gli ospiti facendo e disfacendo (autorete di Falà) il risultato per poi rimpossessarsi dello stesso a tempo scaduto. In campo le due formazioni non si sono affatto risparmiate ed n’è uscito un incontro gradevole agonisticamente molto acceso e combattuto soprattutto nel secondo tempo con un quarto d’ora finale ricco di emozioni senza interruzioni.
Match odierno deciso da 2 rigori. Punteggio scritto da 3 reti tutte nella ripresa e di marca rivierasca. Vantaggio di Traini (all’ottavo centro stagionale, il terzo consecutivo dopo le reti messe a segno con Sangiustese e Real Metauro) ad inizio ripresa, su rigore causato da un fallo di Capparuccia (che siglò una doppietta al pirani, nella gara di Coppa Italia vinta dai cremisi per 1-3) sullo stesso centrocampista biancoceleste, pareggio ospite a 9 minuti dal termine grazie ad una rocambolesca autorete di Falà, e gol partita di Ludovisi (al tredicesimo centro stagionale) allo scadere ancora su rigore stavolta causato da Verdolini per un fallo sullo stesso bomber rivierasco che aveva sbagliato gli due ultimi rigori battuti, contro Centobuchi e Real Montecchio.

Quattro le espulsioni, 3 delle quali nelle file ospiti con Puglia prima e Verdolini poi ai quali il direttore di gara ha sventolato il rosso diretto costringendo il Tolentino a chiudere l’incontro in 9. Ai 2 giocatori ospiti si aggiungono il vice allenatore dei cremisi Carinelli ed il tecnico del Grottammare De Amicis entrambi allontanati per proteste.

La cronaca : Al 13′ Melchiorri servito in area da Tonici (capocannoniere del torneo assieme a Sanda del Montegranaro con 18 reti all’attivo) centrava la traversa piena, riprendeva poi Puglia la cui conclusione era ribattuta provvidenzialmente da Chiavaroli, il quale allontanava la minaccia.

Al 17′ punizione dal limite di Iacoponi deviata in angolo da Pompei (in prestito dall’Ascoli, ormai portiere titolare del Grottammare con continuità anche in campionato dopo esserlo stato in coppa, non solo per la sua buona affidabilità ma anche e soprattutto per un discorso di under essendo un 93).

Al 21′ su una punizione tagliata di Traini, la sfera giungeva a Nardini il quale in area dalla sinistra effettuava un tiro-cross in diagonale che attraversava tutta l’area sfiorando il palo destro e non trovando per un soffio la deviazione vincente di Ludovisi in scivolata.

Al 45′ direttamente da calcio d’angolo Oresti sfiorava il palo destro con una battuta a rientrare.

Al 49′ Traini (davvero in grande spolvero, oggi ha disputato una grande partita ma in generale sta tornando ai fasti del passato) da fuori area tentava una splendida conclusione a palombella smanacciata in tuffo da Caracci, riprendeva poi Oresti la cui conclusione in area era ribattuta da Capparuccia il quale si rifugiava in angolo.

La risposta ospite era immediata e sul capovolgimento difronte Panti in area dalla destra seppur da posizione defilata effettuava una doppia conclusione alla quale si opponeva per ben 2 volte Monaco.

Al 61′ arrivava l’episodio che sbloccava il match. Capparuccia atterrava all’interno dell’area ospite Traini. Per Paoletti di Ascoli era rigore. Dagli 11 metri trasformava con decisione lo stesso Traini per il vantaggio del Grottammare .
Al 68′ Puglia colpiva a gioco fermo Oresti e veniva espulso lasciando il Tolentino in svantaggio e con l’uomo in meno.
Al 74′ Ludovisi servito in contropiede sulla destra, smarcava Oresti, il quale solo dinanzi a Caracci si affrettava troppo, tentando un pallonetto innocuo e facile preda dell’estremo ospite.

Quando ormai la squadra ospite ridotta pure in 10 per la giusta espulsione già citata di Puglia, sembrava in bambola ed incapace di reagire seriamente, all’81’ una clamorosa autorete del nuovo entrato Falà (in prestito dalla Samb) ristabiliva la parità. Su un cross dalla dalle retrovie ospite, Falà pressato da un avversario e nel tentativo di spazzare la propria area, si coordinava malissimo (o forse se non fosse stata la propria porta si potrebbe dire paradossalmente che ha colto benissimo la sfera) anticipando e spiazzando involontariamente di collo piede Pompei con sfera che si infilava nell’angoletto destro. Incidenti maldestri che possono capitare a chiunque pratica questo sport, dove spesso l’istinto supera la ragione dell’istante.
All’87’ il Tolentino reclamava un rigore per un dubbio atterramento in area di Attorresi su Tonici. A farne le spese era il vice allenatore cremisi Carinelli che veniva espulso per proteste.
E così quando ormai la gara sembrava destinata a concludersi in parità, arrivava proprio allo scadere (90′) l’episodio che decideva il match. Ludovisi veniva steso a centro area dal nuovo entrato Verdolini. Il direttore di gara indicava di nuovo il dischetto estraendo il rosso diretto per il difensore cremisi, reo di aver fermato fallosamente una chiara occasione da gol. Dal dischetto stavolta si portava lo stesso Ludovisi che non sbagliava, siglando il nuovo vantaggio grottammarese nonchè il suo tredicesimo centro stagionale. Era il gol partita.

Con questo importantissimo successo (il decimo stagionale, il settimo interno) il Grottammare torna fuori dalla zona play out (sulla quale ha ora un +2) , staccando l’Urbania (che ha impattato tra le mura amiche col Montegranaro) , scavalcando Fortitudo Fabriano (che ha impattato 2-2 nell’anticipo di Castel di Lama) e Cingolana (che ha impattato a reti bianche in casa con la Vis Pesaro, dopo che mercoledì aveva vinto il recupero interno col Montegranaro) e agganciando all’undicesimo posto la Belvederese (sconfitta in casa dalla vice-capolista Fermana).

Nel prossimo turno la squadra di De Amicis (al terzo successo e consecutivo sulla panchina biancoceleste) sarà di scena in casa del Montegranaro (reduce dal pari di Urbania).

Mentre il Tolentino con questo ko (il secondo stagionale, il primo esterno), rimane terzo scivolando però a -10 dalla vetta e vede inoltre avvicinarsi pericolosamente alle sue spalle l’Elpidiense Cascinare ora a -1 (sarebbero a pari punti se gli elpidiensi non avessero un punto di penalizzazione) dai cremisi.

Domenica prossima la formazione di Mobili ospiterà la capolista Ancona 1905 (che ha rifilato un poker interno al Real Montecchio) in una sfida ormai inutile ai cremisi per ambizioni di vetta, ma utile per difendere il terzo posto dall’Elpidiense e per incrementare il primato e mantenere l’imbattibilità nella classifica degli scontri diretti dove il Tolentino è leader assoluto .

In sala stampa ha così parlato il mister ospite Roberto Mobili: E’ arrabbiato per questo ko?
“Beh non ho mai conosciuto nessuno felice dopo una sconfitta. Credo che nonostante il risultato abbiamo disputato una buona partita “.
Grottammare bestia del Tolentino? “No non direi che il Grottammare sia la nostra bestia nera, si abbiamo perso sia l’andata che il ritorno ma in coppa Italia vincemmo noi e nel ko di oggi hanno pesato altri fattori più che la kabala “.
Come giudica l’arbitraggio odierno? “No non parlo degli arbitri, dico solo che questo di oggi -dichiara forse ironicamente il tecnico-ha diretto la miglior partita della sua carriera ”
Sperava davvero che il Tolentino potesse lottare per vincere il campionato o pensa che Ancona e Fermana siano in qualche modo favorite , insomma che ci sia un occhio di riguardo per loro dal punto di vista della sudditanza?
“No io credo che Ancona e Fermana siano davanti perchè sono due grandi squadre che meritano le posizioni che occupano, chi parla di favoritismi è un perdente”.

Il tecnico del Grottammare, Giuseppe De Amicis, è invece molto soddisfatto della prestazione e del risultato: “Ci mancavano molti elementi, ma con le grandi ci trasformiamo giocando alla pari. Vittoria meritata per il cuore e per le occasioni che abbiamo fallito di un soffio”.

La classifica: Ancona 1905 77, Fermana 76, Tolentino 67, Elpidiense Cascinare # 66, Vis Pesaro 54, Real Montecchio 49 , Corridonia 47, Atletico Piceno 45, Montegranaro 44, Biagio Nazzaro Chiaravalle 41, Belvederese e Grottammare 40 , Cingolana 39, Fortitudo Fabriano ed Urbania 38 , Real Metauro 37, Fulgor Maceratese 34, Centobuchi # 28, Sangiustese 18 # , Urbino ^ 8.
#= 1 punto di penalizzazione
^= matematicamente retrocesso in Promozione Marche.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 193 volte, 1 oggi)