SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riceviamo e pubblichiamo da Elvezio Grandoni, presidente del quartiere Fosso dei Galli di San Benedetto. Si legga questo articolo in merito all’esondazione del Fosso dei Galli del 2 marzo scorso

Finalmente, e diciamo finalmente, apprendiamo che c’è l’intesa per la messa in sicurezza del Fosso Dei Galli. Già nel primo bilancio partecipato a cui abbiamo partecipato nel 2008, ci fu prospettata la realizzazione dei lavori sul fosso, con la compartecipazione dei Comuni di San Benedetto, Monteprandone e della provincia di Ascoli Piceno. Il grande rammarico è che nonostante il comitato di quartiere abbia sollecitato più volte questa opera nel corso di questi tre anni, nulla ci è stato detto e nulla è stato fatto. Siamo dovuti arrivare all’ennesima situazione drammatica per far muovere qualcosa. E’ un peccato, perché chi ci rimette è sempre la gente, che si ritrova con allagamenti e notevoli disagi.

Ma nel quartiere Fosso dei Galli ci sono altre situazioni preoccupanti relativamente ai Fossi. Il fosso tra Via Susa e Via Asti non viene pulito da oltre cinque anni. Abbiamo sollecitato più volte l’intervento, ma nessuno sembra avere intenzioni in tal proposito. Stessa situazione per il fosso tra via Torino e via Val Tiberina (lo stesso che attraversa il quartiere Agraria sotto il campetto rosso). Nei giorni dell’alluvione il suo livello era a 5 centimetri dall’argine. Un suo straripamento andrebbe ad invadere notevolmente la zona Agraria. Anche per questo fosso, diversi solleciti ad intervenire, ma niente.

Le mutazioni climatiche di questi ultimi anni stanno creando numerose difficoltà. Vi porto alcuni esempi nel nostro quartiere. In via Montecretaccio, con temporali medio/forti si riversa in strada moltissimo fango, tanto da rendere difficile la circolazione. In via Volterra, puntualmente, si aprono sul manto stradale buche profonde anche decine di cm; per non parlare dell’illuminazione di Via Torino, che va in tilt ad ogni temporale (c’è, inoltre, un lampione senza luce che abbiamo segnalato un anno fa, ma nessuno è venuto a cambiare).

Naturalmente concordiamo tutti che c’è bisogno di maggiori investimenti relativi alla manutenzione del nostro territorio, pulizia fossi e fiumi, pulizia caditoie e scolini ecc.ecc.

Ci è stato detto che il destino di Fosso dei Galli dipenderà dal piano regolatore. Ma non possiamo vivere con la speranza di quello che sarà. C’è bisogno di risposte concrete, ci sono problemi da risolvere oggi e vanno almeno affrontati.

Nell’ultimo bilancio partecipato ci è stato detto della possibilità di realizzare due interventi nel nostro quartiere: il completamento dei marciapiedi da via Moncalieri fino al Fosso dei Galli (lungo la Salaria, zona nord/ovest) e la realizzazione di dossi su via Moncalieri per ridurre la velocità dei veicoli e mettere in sicurezza la carreggiata.

A tutt’oggi, nulla è dato sapere per certo, e la nostra paura è che nulla di tutto ciò verrà portato a termine. Confidiamo comunque nell’amministrazione in una prospettiva di dialogo, come abbiamo sempre fatto in questi tre anni. Attendiamo risposte concrete, alle situazioni sopra esposte, nel frattempo continueremo a muoverci come abbiamo sempre fatto e a collaborare qualora ce lo venga chiesto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 322 volte, 1 oggi)