SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Da qualche tempo un uomo sta disturbando la quiete del lungomare di San Benedetto. Nella mattinata di giovedì scorso, il 10 marzo, dopo diverse offese urlate, rivolte ai passanti, è arrivato addirittura a spintonare un anziano, facendolo cadere per terra.

Abbiamo raccolto la testimonianza di un signore che sembrerebbe essersi imbattuto con lo stesso uomo. L’identikit conferma la nostra ipotesi: uomo sulla trentina, tarchiato, con un cappello di lana in testa. Filippo Serapioni è un muratore che sta facendo dei lavori di riqualificazione presso la concessione numero diciotto.

Ecco il suo racconto:

“Qualche giorno fa, (non ricorda con precisione la data, ndr), stavo lavorando allo chalet La Croisette, mi trovavo all’esterno dello stabilimento balneare. Ad un certo punto sono stato attirato da delle urla. Mi giro. Vedo un uomo con la siringa in mano che gridava frasi sconnesse contro i passanti. Non si sa per quale ragione, comincia ad inseguire un signore. Questo, impaurito, comincia a correre e viene a nascondersi proprio dentro lo chalet. A quel punto un mio collega intima all’inseguitore di andarsene. Sempre con la siringa in mano, l’uomo scappa in direzione sud e si mette seduto nella panchina a qualche metro di distanza dalla Croisette. Il signore inseguito, per paura di affrontarlo di nuovo, se ne è andato passando per la spiaggia”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.056 volte, 1 oggi)