SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Quando lo sport e la scuola si uniscono per dar vita a un progetto formativo dove le regole, i valori e il divertimento sono elementi base per la crescita in età evolutiva. I valori scendono in campo anche quest’anno, attraverso l’iniziativa promossa dalla Figc – Settore giovanile e scolastico e il Ministero dell’istruzione che coinvolge i bambini delle scuole elementari in una serie di attività che mirano all’insegnamento delle varie discipline scolastiche declinate però alla tecnica calcistica.

Dopo il successo riscontrato lo scorso anno, la Federazione Italiana Giuoco Calcio guidata dal suo presidente Domenico Silvestri espone le novità della seconda edizione del progetto formativo che interessano cinque scuole elementari del Piceno fra cui la scuola primaria di Centobuchi, l’istituto scolastico comprensivo di Cupra Marittima, l’istituto “Leopardi” di Grottammare, la scuola Moretti di San Benedetto e la Colleoni di Porto d’Ascoli.
Due sono le novità di quest’anno – dichiara il responsabile marketing di Linea Ufficio e coordinatore per la provincia del progetto interscolastico Maurizio Spazzafumo – una, consiste nel far scendere in campo di gioco anche i bambini nelle ultime cinque giornate di campionato della Sambenedettese Calcio. Si parte già da questa domenica quando venticinque bambini della scuola elementare di Centobuchi accompagneranno i giocatori. Fra questi, undici vestiranno la divisa della sambenedettese, altri undici indosseranno invece una divisa con scritto ‘I valori scendono in campo’ mentre i restanti tre avranno quella da arbitro. Questi bambini – prosegue Spazzafumo – saranno accompagnati dai propri genitori e saranno ospiti della Sambenedettese. La seconda novità è rivolta invece a coloro che partecipano al progetto ma che però non scendono in campo con i giocatori. I bambini che sono interessati a partecipare comunque agli incontri calcistici giocati in casa, potranno farlo attraverso un abbonamento speciale che ha un costo di soli cinque euro per l’ingresso in tribuna laterale.”

Dal punto di vista contenutistico, il progetto “I valori scendono in campo” sfruttando il valore del calcio, si compone in un percorso che parte con la distribuzione agli alunni di terza, quarta e quinta elementare di un kit didattico diviso in sei moduli“Un mondo di regole”, che coinvolge le materie di Educazione alla Cittadinanza e Corpo Movimento Sport, “Una storia rotonda”, per quanto riguarda la Storia e la Geografia, “Alimentazione e Salute”, “Parole in gioco”, “Un calcio ai pregiudizi” e “Dalla tecnica alla tattica”, rivolta alle discipline che prendono in considerazione l’arte, l’immagine, e la tecnologia – che comprende anche quattro palloni Puma, una confezione di delimitatori di spazio, una guida didattica, un dvd contenente il cartone animato “Barbara, Marco e Mr. Fun alla scoperta dei veri valori del calcio” oltre a trenta schede di lavoro con i test di verifica, adesivi, locandine e braccialetti.
Al termine del percorso didattico, i piccoli studenti potranno così applicare la loro fantasia e la loro creatività con una serie di lavori – sia essi realizzati individualmente o in gruppo – sul tema “I valori del calcio” attraverso molteplici modalità espressive quali disegni, striscioni, canzoncine, filastrocche, fotografie e brevi filmati.
Entro il 30 aprile prossimo i lavori realizzati dovranno essere consegnati al Comitato Organizzatore Locale la cui commissione selezionerà i tre migliori lavori di ciascuna scuola – uno della classe terza, uno della quarta e uno della quinta – che saranno premiati dalla Figc con la maglia Puma della Nazionale di Calcio mercoledì 25 maggio allo stadio Riviera delle Palme, giorno in cui è prevista una manifestazione, che si svolge in tutte le provincie d’Italia, in cui verranno esposti tutti i lavori realizzati dai bambini delle scuole partecipanti.
“Il 25 maggio – afferma il coordinatore provinciale della Figc Attilio Alfonsi – oltre a esserci questa festa finale è anche la giornata del Grass Root Uefa, giorno in cui è stata istituita la Carta dei diritti e dei doveri dei bambini”.

I valori scendono in campo è un’iniziativa che prevede inoltre alcuni incontri nelle scuole da parte di alcuni esperti nelle discipline facenti parte del kit didattico: il 23 marzo, ad esempio, a Porto d’Ascoli il dottor De Benedictis, nutrizionista della Asl di Ascoli interverrà per parlare di nutrizione e alimentazione ai bambini.

“Anche quest’anno – prosegue la responsabile marketing dell’Us Sambenedettese Roberta Ripani – abbiamo aderito al progetto della federazione che porta nelle scuole i veri valori del calcio, come mezzo d’insegnamento delle materie”.
“I valori scendono in campo – aggiunge l’insegnante Anna Nardelli – rappresenta un supporto all’insegnamento. Il nostro impegno è quello di sviluppare un’attività vicina alla loro realtà e quella del calcio come anche quella dello sport in generale è una di queste. La lezione scientifica calata a una realtà legata alla a quella sportiva è un aspetto importante. Un esempio, è dato dallo studio della lingua italiana attraverso il lessico e il gergo calcistico”.

“La Federazione Italiana Giuoco Calcio è sensibile a queste iniziative – afferma il presidente Silvestri – auspico che anche quest’anno si possa riscontrare lo stesso successo della scorsa edizione. Il mio ringraziamento va ai dirigenti e alle insegnanti delle scuole che partecipano quest’anno all’iniziativa”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 925 volte, 1 oggi)