SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Il Comitato contro la Megavariante dopo una lunga discussione al suo interno ha deciso di proseguire la propria attività per promuovere e far valere le ragioni del No al Referendum consultivo”. Lo dice Paolo Virgili, in una nota a nome del comitato referendario che torna a farsi sentire con un nuovo portavoce dopo i giorni di “trauma e smarrimento” (innegabili) conseguenti all’entrata di Sinistra Ecologia e Libertà (una delle forze propulsive degli albori del comitato) nella coalizione del Pd.

“La discussione si è incentrata sulla funzione che il Comitato referendario deve svolgere in una fase politica in cui la città si appresta a votare la nuova Amministrazione comunale. Nel rilanciare l’iniziativa – spiega Virgili – il comitato non può esimersi dal giudicare negativamente il ritardo e le dichiarazioni rilasciate alla stampa dal Sindaco Gaspari rispetto alla decisione che gli compete in merito alla data e alle modalità di svolgimento del referendum”.

“Il Consiglio comunale ha deliberato il 4 febbraio lo svolgimento della consultazione e il Sindaco ha al massimo 30 giorni di tempo per dare seguito a quella delibera. Subito dopo la seduta del consiglio, in una conferenza stampa il Comitato ha proposto di svolgere la consultazione il 13 marzo perché c’erano i tempi tecnici e l’opportunità politica di svolgere il referendum prima dell’inizio ufficiale della campagna elettorale per le Amministrative”. Continua Virgili: “Ci dispiace che il Sindaco non abbia voluto tener conto della richiesta di quanti volevano essere cittadini attivi. E vorremmo aprire con lui un tavolo di discussione, ritenendo inopportuna una sua decisione in merito senza consultarci. Il Sindaco può anche aver intenzione di rinviare in autunno lo svolgimento del referendum evidenziando il timore che la consultazione possa essere dannosa ai fini della sua rielezione, ma non può ignorarci”.

Il Comitato Prg a Crescita Zero poi ribadisce l’importanza di svolgere il referendum in una data antecedente le elezioni e compatibile con l’inizio della campagna elettorale.
Entro aprile, dice Virgili, il Comitato intende allargare ancora la partecipazione civica alle sue istanze ed organizzare un “No Megavariante day”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 247 volte, 1 oggi)