SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Alle primarie del centrosinistra del 27 marzo si sfideranno il sindaco uscente Giovanni Gaspari ed il leader cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà, Luca Spadoni. Non ci sarà invece Paolo Canducci che, in accordo con il proprio partito (i Verdi), ha optato per il ritiro della propria candidatura.

“Non sempre in politica ciò che è giusto coincide con ciò che è utile”, spiega l’assessore all’Ambiente in un comunicato. “Le primarie possono essere per  i Verdi un’occasione unica per esternare le proprie convinzioni e per discutere con i cittadini di soluzioni concrete e sostenibili per migliorare la qualità della vita della gente. Non c’è dubbio, però, che in questi cinque anni, il nostro partito ha fatto parte integrante della maggioranza dando un grande contributo di idee innovative e contenuti, garantendo stabilità, senza mai rinunciare alle nostre priorità”.

Ecco allora che il ‘Sole che ride’ ha deciso di raccogliere l’invito del primo cittadino, che fin dal primo momento mal aveva gradito l’ipotesi di una lotta interna alla stessa coalizione. Fino all’invito gaspariano di pochi giorni fa al proprio assessore all’Ambiente: “Non partecipare alle primarie, la gente non capirebbe una competizione fra chi ha governato assieme finora”.

Gaspari, dicono i Verdi, dovrà tuttavia sposare in pieno le proposte alla base dell’iniziale corsa di Canducci, tra le quali spiccano la redazione di un Piano di Azione Locale (“che abbia come obiettivo la riduzione delle emissioni di Co2 attraverso gli interventi di riforestazione urbana, la realizzazione di un circuito integrato di piste ciclabili, la progettazione di energia da fonti rinnovabili, la creazione di nuove zone pedonali e a traffico limitato e la previsione di norme che impongano l’efficienza energetica negli edifici da ristrutturare o di nuova realizzazione”), la realizzazione di parcheggi scambiatori all’uscita degli svincoli esistenti e quelli eventuali della nuova Bretella, la creazione di un grande parco in zona Brancadoro (“con la delocalizzazione della sottostazione di Via Piemonte”), l’accelerazione della strategia dei Rifiuti zero e l’investimento nello sviluppo dell’Eco-turismo tramite la promozione della Riserva della Sentina e del Parco Marino Piceno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 574 volte, 1 oggi)