MONTEPRANDONE – “La Cucina dello Spirito” approda a Parigi, inaugurando in bellezza il programma del 2011. Il progetto monteprandonese di riscoperta della cucina monastica partecipa infatti alla fiera libraria internazionaleParis Cook Fair”, che si tiene dal 2 al 6 marzo nella capitale francese. In concomitanza con la manifestazione si svolge l’assegnazione dei prestigiosi premi “Gourmand Cookbook Award”, organizzata dalla Fondazione parigina Cointreau.

Nella rassegna vengono premiati i migliori libri dedicati alla gastronomia e alla convivialità, pubblicati nel mondo. L’opera Storia dell’alimentazione, della cultura gastronomica e dell’arte conviviale”, scritta dallo storico Tommaso Lucchetti insieme a Ugo Bellesi e Ettore Franca, si è aggiudicata il premio di miglior libro italiano della sezione di storia dell’arte culinaria. Il  volume, pubblicato dalla casa editrice Il Lavoro Editoriale con il contributo dell’amministrazione regionale, ricostruisce in modo completo le origini e l’evoluzione della cucina marchigiana.

La Regione Marche, che è presente alla fiera parigina con uno stand promozionale, ha contattato Ermetina Mira de “La Cucina dello Spirito” per prendere parte alla manifestazione. Partecipano come vetrina delle Marche l’Oleificio di Silvestri Rosina di Spinetoli per l’olio e per le olive tenere ascolane, le aziende agricole Fratelli Bucci di Ostra Vetere con il Verdicchio, Marotti Campi di Morro d’Alba con la Lacrima di Morro d’Alba, San Francesco di Cherri Paolo di Acquaviva Picena con il pecorino e Cantine Moncaro di Montecarotto con il Rosso Conero, Villa Grifoni di San Savino di Ripatransone con l’Imperium, la Tenuta del Giglio di Monteprandone con il Marco Aurelio ed il Franco Nero e l’Azienda Varnelli di Muccia per l’omonimo liquore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 162 volte, 1 oggi)