SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Apri gli occhi e abbandona il mouse. Il computer portatile controllabile con gli occhi è stato presentato il primo marzo 2011 durante la giornata di apertura della fiera più importante a livello internazionale dedicata all’industria digitale, il Cebit che è in corso ad Hannover, in Germania e durerà fino al 5 marzo.

La protagonista della novità tecnologica è Tobii Technology, una azienda svedese specializzata in dispositivi in grado di tracciare i movimenti degli occhi con precisione e semplicità. Il prototipo è stato creato grazie alla collaborazione con il costruttore cinese Lenovo e si pone come base per la produzione di un modello adatto al grande pubblico a prezzo contenuto.

“Il prototipo del computer portatile Tobii è la dimostrazione che la nostra tecnologia di eye tracking è sufficientemente matura per poter essere utilizzata nei normali laptop. Per migliorarlo dobbiamo renderlo più piccolo e più economico” – afferma Henrik Eskilsson, capo dell’azienda svedese – “Noi crediamo che questo possa essere realizzato in un paio d’anni, attraverso la collaborazione con un giusto produttore, come Lenovo”.

Il dispotivo è pensato per utenti con particolari necessità ed è quindi in grado di ingrandire e rimpicciolire le immagini, centrare l’area che si desidera osservare, tutto questo ovviamente con il semplice utilizzo degli occhi. Inoltre è possibile regolare la luminosità dello schermo a seconda del grado di attività degli occhi in modo da risparmiare l’energia della batteria, accelerare di fatto l’esperienza di utilizzo del computer consentendo nuove e più intuitive modalità per passare da una finestra aperta all’altra oppure per individuare e-mail o documenti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 109 volte, 1 oggi)