GROTTAMMARE – Più tasse, anche se non per tutti. Non sarà un anticipo di federalismo demaniale, ma probabilmente una necessità dovuta ai tagli dei trasferimenti agli enti pubblici operato negli ultimi anni a livello centrale. Se ne discuterà al Consiglio Comunale di martedì 2 marzo: l’aliquota dell’addizionale Irpef comunale sarà infatti ritoccata, dopo che già se ne discusse in occasione della discussione del bilancio pluriennale 2011-13, riguardo l’aumento dell’imposta comunale a partire dall’anno 2012 e introdotto per la prima volta diverse fasce, ridefinendone le modalità di calcolo. Secondo quanto approvato, l’aumento non andrà a toccare i redditi inferiori a 9 mila euro – che resteranno soggetti allo storico 0,5% – e inciderà per la nuova aliquota (0,8%) sui redditi superiori, ma solo per la quota eccedente.  

Tra gli altri punti all’ordine del giorno, ci sono anche la designazione dei due componenti di nomina comunale del consiglio di amministrazione dell’Istituzione Povera Costante Maria (sui 5 complessivi, di cui 3 di nomina vescovile), giunto alla scadenza naturale dei 5 anni, e l’elezione del presidente della prima commissione consiliare consultiva “Risorse economiche e macchina comunale”, a seguito dell’incompatibilità del presidente uscente, Alessandro Rocchi, nominato assessore. 

In chiusura, l’assemblea consiliare è chiamata a fornire indirizzi al sindaco in merito alla prossima approvazione (25 marzo) del bilancio di previsione della Ciip spa e a discutere il rilascio di una garanzia fideiussoria a favore della società sportiva Grottammare Calcio per dotare di manto in erba sintetica il campo di calcio a otto. I lavori del consiglio comunale avranno inizio alle ore 21 e potranno essere seguiti in diretta web, con accesso dal sito www.comune.grottammare.ap.it.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 425 volte, 1 oggi)