SAN BENEDETTO DEL TRONTO – A quasi un mese di distanza arriva la decisione del Giudice sportivo sul caso di Recanatese-Olympia Agnonese del 23 gennaio scorso, quando i molisani non si erano presentati in terra leopardiana: la gara va recuperata, l’assenza degli ospiti è giustificata dalla neve e dal ghiaccio che in quel fine settimana avevano colpito l’alto Molise. A tal proposito nel comunicato viene citata la documentazione presentata dall’Agnonese, con tanto di foto, documenti e dichiarazioni di pubblici ufficiali molisani che attestano l’impercorribilità delle strade e i vari tentativi compiuti dal pullman dei molisani.

Rigettato il ricorso della Recanatese, che si era basata, a suo dire, su “colloqui orali” che sostenevano la piena percorribilità delle strade molisane. Via libera, dunque, alla disputa del recupero, la cui data dovrà essere presto fissata. Attualmente la Recanatese è a quota 35 punti, uno in meno della Samb, mentre l’Olympia Agnonese è al sestultimo posto (al limite della zona play-out) con 31 punti.

Nello stesso comunicato l’Olympia Agnonese viene però punita con una gara a porte chiuse e un’ammenda di 1.500 euro per le intemperanze di domenica scorsa a Miglianico, dove i sostenitori molisani avrebbero colpito la terna arbitrale con sputi e minacce. Pesante ammenda (3.000 euro) anche per la Civitanovese, i cui tifosi avrebbero lanciato in campo un petardo e vari oggetti al termine della sfida contro il Santarcangelo. Nessuno squalificato, infine, tra le fila di Samb e Real Rimini (prossimo avversario dei rossoblu), mentre entra in diffida Antonio De Rosa.

COPPA ITALIA Il Perugia si aggiudica con il risultato di 1-0 l’andata della prima semifinale di Coppa Italia Serie D, che vedeva gli umbri opposti al Ponte San Pietro Isola. L’altra semifinale, Atletico Trivento-Turris, andrà in scena sabato 19 febbraio alle ore 14.30 (domenica la serie D osserverà un turno di riposo).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 289 volte, 1 oggi)