ANCONA – La Regione ha in più occasioni manifestato a Trenitalia, e continuerà a farlo, il principio che la via adriatica allo sviluppo ha la stessa dignità della dorsale tirrenica. E mentre da una parte si registrano continue penalizzazioni, dall’altra si realizzano forti investimenti, a partire dall’alta velocità. Questa situazione è intollerabile ed è stata più volte rappresentata al Governo nazionale”. Si è espresso così il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, a proposito della recente soppressione di due Eurostar City per Milano.

“Queste penalizzazioni – ha aggiunto – non sono più tollerabili. Purtroppo i tagli operati dal Governo hanno inferto un colpo durissimo al nostro servizio di trasporto pubblico, ferrovie incluse, e a farne le spese, come accade in tutti gli altri settori su cui si è abbattuta la mannaia della Finanziaria, sono i cittadini. Abbiamo chiesto conto a Trenitalia, tramite una lettera inviata all’amministratore delegato, di quest’ultima riduzione di corse che interessa il sud della regione. Aspettiamo ora, nel più breve tempo possibile, una risposta motivata: a quel punto agiremo di conseguenza, se necessario anche di concerto con la Regione Abruzzo. Dopodiché daremo una risposta ai vari consiglieri regionali che sono intervenuti sull’argomento, ma soprattutto alla nostra comunità regionale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 203 volte, 1 oggi)