SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Internet ce la fa, ce la fa a penetrare nelle abitudini di un numero sempre crescente di italiani. Dal rapporto stilato il 1° febbraio 2011 dalla società Audiweb srl sulla diffusione dell’on-line nel mese di dicembre 2010, si evince un incremento del 7,9% rispetto allo stesso mese del 2009, dell’acesso alla Rete pari a 2,4 milioni di individui in più. Si tratta di persone che hanno dichiarato di poter usufruire della Rete da diverse postazioni e attraverso strumenti diversi senza limitazioni: da casa, dall’ufficio o più genericamente dal posto di lavoro, dalla scuola o dall’università, da luoghi pubblici.

Cominciando la disamina per macrocategorie si ottiene conferma sul fatto che i giovani hanno più dimestichezza con il mezzo: tra gli 11 e i 17 anni l’86%, tra i 18 e i 34 l’84,7% e tra i 35 e i 54 anni il 77,7%. Da un punto di vista geografico si osserva che la prevalenza geografica è al nord e al centro piuttosto che al sud e nelle isole. Per quanto riguarda i generi, gli uomini navigano più delle donne.

Prendendo in considerazione il luogo dal quale si entra in Internet, il rapporto evidenzia che da casa accedono 31 milioni di persone, il 14% in più rispetto al 2009. Un balzo considerevole se si tiene conto di quanto siano ancora diffuse le zone non coperte da banda larga. Ma il vero dato entusiasmante è quello relativo agli accessi effettuati dai dispositivi portatili come cellulari o smartphone: +44% per un totale di oltre 6 milioni di individui. Cosa si può fare con i cellulari? Praticamente di tutto: il 51,4% dichiara genericamente di navigare, il 26,2% consulta i motori di ricerca, il 25,8% utilizza le e-mail, il 24% accede ai social network come facebook o twitter, il 19,8% consulta itinerari o mappe.

Come ricordato in altra occasione, le rilevazioni effettuate da Audiweb si basano su quattro diverse fonti: interviste su un campione della popolazione italiana residente dagli 11 ai 74 anni ed è un servizio dell’istituto per le ricerche statistiche e l’analisi dell’opinione pubblica (Doxa); informazioni sull’offerta editoriale disponibile su Internet classificata secondo categorie; sistema censuario ovvero dati raccolti automaticamente sui server; software di monitoraggio dell’attività on-line installato sui computer di campioni statisticamente rappresentativi della popolazione, nel pieno rispetto della privacy ovviamente. Quest’ultimo è un servizio della società Nielsen Online Italia srl.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.231 volte, 1 oggi)