CUPRA MARITTIMA – Conclusa con sodisfazione la due giorni cuprense dedicata allo Showdown, disciplina sportiva per non vedenti. Durante il pomeriggio di sabato 29 gennaio e durante la mattinata di domenica 30 gennaio, si è registrata una discreta affluenza di pubblico all’interno dell’aula magna dell’Istituto Scolastico Comprensivo, le squadre della Polisportiva Picena Non Vedenti, la squadra del Teramo, la squadra che rappresenta Perugia, una squadra da Campobasso, e una dell’Aquila hanno dimostrato il funzionamento del gioco.

Hanno partecipato anche alcuni curiosi che, venuti a conoscenza dell’iniziativa sono “scesi in campo” volentieri. Con un’apposita mascherina hanno provato lo Showdown anche i vedenti: un grande tavolo dotato di sponde e di uno schermo centrale, due giocatori alle estremità del tavolo che devono centrare una pallina sonora nella porta dell’avversario aiutandosi con due racchette. Uno sport spensierato capace di suscitare allegria.

La manifestazione è stata promossa e realizzata dalla Polisportiva Picena Non Vedenti, in collaborazione con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Ascoli Piceno, la Federazione Italiana Sport Paralimpici per Ipovedenti e Ciechi, con il patrocinio del Comune di Cupra e la disponibilità dell’Isc. Gli organizzatori sperano dunque di aver sensibilizzato i cittadini verso questo mondo e auspicano di pote ripetere l’evento per poter creare maggior seguito.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 307 volte, 1 oggi)