ASCOLI PICENO – “Ancora una volta l’amministrazione comunale guidata da Castelli ha dato prova di mancanza della determinazione e del coraggio necessari per affrontare i gravi problemi che la nostra città si trova davanti.” Esordisce così in una nota Stefano Corradetti, capogruppo consiliare del Partito democratico al Comune di Ascoli, riferendosi al nuovo rinvio della nomina dei rappresentanti del Comune ai vertici del Consorzio per l’industrializzazione del Piceno.

Piceno Consind sta attraversando una profonda crisi e la scelta dei componenti del Consiglio comunale in seno all’ente, attesa giovedì 26 gennaio, sarebbe stata, secondo Corradetti, “il primo passo per frenare l’emorragia di 12 mila euro al giorno e tentare di individuare la soluzione meno dolorosa possibile, per la città e per i lavoratori”. Invece si è preferito ancora una volta “perpetuare il gioco dello scaricabarie e del rimpallo di responsabilità per mere motivazioni politiche, il che appare sorprendente vista la solerzia con cui alcuni esponenti del centrodestra hanno richiamato l’attenzione sui gravi problemi del Consorzio, dimenticando peraltro di aver fatto parte del consiglio di amministrazione negli anni passati“.

La scelta del rinvio sarebbe quindi l’ennesima occasione mancata per una città che ha bisogno “ora più che mai, di una classe politica forte e capace di scelte”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 84 volte, 1 oggi)