ASCOLI PICENO – La Polizia Stradale di Ascoli Piceno ed in particolare il personale della Sottosezione autostradale di Porto San Giorgio, negli ultimi giorni ha intensificato in maniera sistematica, i controlli al trasporto di animali vivi.

Dopo un breve corso di formazione sulla normativa prevista dalla legge 151/2007 relativa al trasporto nazionale ed internazionale di animali vivi tenuto dal Dirigente della Sezione a tutto il personale, sono stati intensificati i controlli finalizzati, oltre che alla verifica della regolarità documentale dei viaggi , anche alle condizioni di trasporto degli animali ed al rispetto delle previsioni tecniche della legge sulle dotazioni dei mezzi .

Nel corso di tali controlli, negli ultimi dieci giorni,  sono stati elevati  nove verbali di violazioni alla normativa sul trasporto animali relativi sia alla mancanza di idonea documentazione relativa al trasporto ed alla idoneità dei guardiani, sia alle condizioni degli animali durante il trasporto.

I verbali riguardano sia i conducenti i veicoli sia i proprietari degli animali che gli organizzatori dei viaggi come prevede espressamente la normativa. Nell’ultimo controllo poi è emerso dalla verifica del piano di carico che all’interno dello stesso vi era un animale morto: un suino di media taglia. L’immediato intervento del servizio veterinario ha consentito di mettere in atto tutte le ulteriori verifiche sulle condizioni degli animali e su eventuali situazioni patologiche che andassero al di là della violazione delle norme sul trasporto stesso.

L’intervento del veterinario ha permesso poi di accertare che l’animale è morto per probabile schiacciamento, a causa della elevata densità di carico degli animali, superiore a quanto consentito dalla norma: per tale circostanza è stata elevata specifica sanzione come previsto dalla legge.

Nei confronti del’autista del mezzo verrà inviata informativa di reato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Fermo per la violazione dell’art. 544 bis del codice penale, per aver cagionato la morte di un animale senza particolari ragioni giustificative.

Data l’attualità della problematica nonché comunque l’attenzione che deve essere prestata al benessere degli animali trasportati per fini commerciali ed economici, l’attività della Polizia Stradale  proseguirà nel verso dei maggiori e più incisivi controlli al settore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 499 volte, 1 oggi)