SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il 28 gennaio è iniziato il processo ai due agenti di sicurezza privata accusati di aver malmenato ingiustificatamente due giovani originari del comprensorio ascolano all’uscita di una discoteca rivierasca il 17 agosto del 2008. Sono stati ascoltati i testimoni del pubblico ministero tra i quali alcune persone presenti sul posto, i militari che hanno seguito le indagini e gli accertamenti, e il tecnico che ha esaminato i referti medici delle parti lese, non presenti all’udienza.

Il caso verrà ripreso a maggio.

Dalle prime ricostruzioni dei testi, tutto sembrerebbe nato da un battibecco verbale tra alcuni giovani della riviera e due giovani provenienti dall’interno ascolano. Quei soliti e deprecabili campanilismi avrebbero probabilmente allertato la security che, secondo gli amici delle parti lese, si sarebbe scagliata contro i due giovani ascolani trascinandoli all’esterno della struttura. Poi le botte, stando a quanto dicono i testi, cazzotti e pugni che si sono fermati solo all’intervento di un ragazzo e un parcheggiatore.

Erano le cinque del mattino quando le forze dell’ordine sarebbero intervenute. Secondo il militare chiamato dalla corte a riferire dei fatti, due giovani riportavano realmente ferite che gli stessi e alcuni presenti indicavano nate da un “pestaggio” da parte del personale di sicurezza del locale.

Notte o meglio alba che si è conclusa in ospedale per i due malcapitati, che secondo il tecnico incaricato dalla parte civile di esaminare i referti medici avrebbero riportato lesioni molto gravi come la perforazione del timpano per uno, e contusioni varie per l’altro. Lesioni che sempre secondo il tecnico sembrerebbero compatibili con le dichiarazioni delle parti lese.

All’appello mancavano proprio loro, i giovani che hanno sporto querela contro i due uomini del personale di sicurezza. Entrambi per problemi personali non hanno potuto presenziare al processo. Non mancherà comunque il loro contributo nella prossima udienza fissata a maggio prossimo, quando con tutta probabilità verranno ascoltati anche i testimoni della difesa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 849 volte, 1 oggi)