SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Regolamento Edilizio del Comune di San Benedetto sarà più “verde”. L’assessore all’Ambiente Paolo Canducci, infatti, sta discutendo una bozza di appendice al Regolamento che disciplinerà l’utilizzo di energie rinnovabili e di tecniche di riduzione dei consumi energetici abitativi. A tal proposito lunedì scorso, 24 gennaio, lo stesso Canducci ha incontrato in Comune tecnici, rappresentanti degli ordini professionali di architetti, geometri, ingegneri, dell’associazione dei costruttori edili e degli artigiani proprio per discutere di questi nuovi accorgimenti.

L’incontro ha rappresentato una delle ultime fasi di quel percorso avviato dal Comune da diversi mesi e che si avvale del contributo di un pool di tecnici esterni capitanato dall’architetto Francesca Sartogo di Roma appositamente incaricata.

Il Regolamento, che si ispira ai contenuti dell’accordo di programma stipulato dalla conferenza Stato-Regioni e meglio conosciuto come “Protocollo Itaca”, prevede alcune disposizioni obbligatorie e altre facoltative che costituiranno il riferimento per tutti coloro che andranno a realizzare nuovi edifici o a ristrutturarne di esistenti. Tali disposizioni riguardano, ad esempio, la prestazione energetica degli edifici, l’efficienza energetica degli impianti con l’incentivo all’utilizzo di energie da fonti rinnovabili, i requisiti delle centrali di produzione di calore, indicazioni per il corretto uso dell’energia elettrica (risparmio, illuminazione naturale, ecc.) e dell’acqua (razionalizzazione, recupero acque meteoriche), la previsione di installazione di dispositivi bioclimatici (soleggiamento, ombreggiatura, finestratura, tetti verdi…), l’utilizzo di tecniche e materiali ecompatibili.

Canducci, supportato dai tecnici comunali, l’architetto Luigina Zazio, l’ingegner Marco Cicchi e il geometra, ha auspicato che dai tecnici e dagli ordini arrivino presto suggerimenti ed ha assicurato che ci sarà un ulteriore momento di confronto per esaminare la bozza definitiva che poi dovrà iniziare il suo iter di approvazione. “L’obiettivo è quello di avere il nuovo regolamento approvato prima della fine del mandato amministrativo – ha concluso Canducci – e aggiungere così San Benedetto a quel 9% di Comuni italiani che ha adottato analoghi provvedimenti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 437 volte, 1 oggi)