(ha collaborato Oliver Panichi)

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’iter di approvazione del piano di riqualificazione urbana di piazza Kolbe sembra sia giunto a una svolta. All’assemblea cittadina di lunedì sera, a cui hanno preso parte il comitato di quartiere “Sant’Antonio” e il sindaco Giovanni Gaspari, è stata presentata la nuova proposta di riqualificazione, ragionato su una diversa disposizione e in risposta alla precedente bozza oggetto di diverse critiche da parte dei cittadini e del comitato di quartiere.
La delibera n°86 del Consiglio comunale del 12 ottobre 2010 infatti – lo si ricorda – avviava il dibattito sull’ipotesi di una riqualificazione urbana del quartiere attraverso la stesura di un progetto successivamente illustrato alla cittadinanza, il quale suscitò però il disappunto di alcuni residenti che, attraverso la costituzione di un comitato, si attivarono attraverso una raccolta firme per esprimere il loro totale disaccordo all’iniziativa.

Nel corso dell’intervento all’Auditorium Tebaldini la società Sipa, titolare del progetto, e Germano Polidori, responsabile dell’ufficio Sviluppo e Qualità del territorio del Comune, hanno illustrato dunque quelle che risultano essere le principali caratteristiche della nuova proposta la quale differisce dalla precedente progettazione soprattutto per quanto riguarda la realizzazione dell’edificio che ospiterà la nuova sede della Polizia Municipale. “La struttura – fa sapere l’architetto Bertolotti – verrà spostata più a ridosso della Statale 16, a otto metri di distanza da essa, ed è dotata di parcheggi sotterranei”.

Quindi il nuovo palazzo sarà meno vicino agli edifici della zona di piazza Kolbe, come chiedevano i residenti temendo di vedere il sole oscurato (pur se le distanze minime di legge fra i palazzi venivano rispettate). La strada di ingresso alla zona rimane della stessa larghezza di adesso, cioè undici metri e non otto come previsto dal progetto iniziale.
Rimane la corsia parcheggi vicino alla Statale, la cabina elettrica non si può inglobare nel fabbricato e quindi verrà rifatta nuova nella posizione attuale. La piccola aiuola non ci sarà più, mentre riguardo ai parcheggi oltre ai 31 esistenti ce ne saranno altri 15 a raso, oltre ai 18 pertinenziali interrati di uso pubblico,

Inoltre, sono previsti dei percorsi pedonali da tutti i lati dell’area interessata dotata anche di un attraversamento in sicurezza in grado di garantire il mantenimento della viabilità di accesso.

“L’ipotesi progettuale illustrata – prosegue il sindaco Gaspari – cerca di andare incontro alle diverse esigenze a beneficio dell’intero quartiere. L’Amministrazione all’interno del bilancio partecipato ha stanziato per ciascuna zona una cifra e nell’area di piazza Kolbe è stata stanziato un finanziamento di 150 mila euro per la riqualificazione”.

Durante l’incontro si è preso poi in considerazione la delicata questione del traffico lungo la strada Statale e di come nel solo 2010 – secondo il sindaco Gaspari – sono stati rilevati ben 35 sforamenti delle pm10 rispetto ai limiti consentiti dalla legge specie quando i semafori sono in funzione.
Altro aspetto sottolineato da alcuni cittadini è stato poi quello relativo al numero limitato dei parcheggi poiché il quartiere Sant’Antonio è la zona prossima a quella dell’Ospedale Civile, rilevando un afflusso eccessivo di auto nel corso della giornata.
In merito a questa questione il Primo Cittadino ha fornito qualche anticipazione riguardo a una prossima delibera secondo la quale si darebbe il via a una sistemazione che farebbe guadagnare circa sessanta posti auto nella zona della clinica Villa Anna.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 786 volte, 1 oggi)