SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Pace fatta tra Partito Democratico ed Italia dei Valori. Gli esponenti rivieraschi dei due partiti di centrosinistra hanno siglato il riavvicinamento ad Ancona nella mattinata di lunedì, alla presenza tra gli altri del segretario regionale dei democrat, Palmiro Ucchielli (nelle prossime ore verrà diramato il comunicato ufficiale, ndr).

“Con i dipietristi non c’è assolutamente alcun problema”, ha dichiarato quest’ultimo, contattato telefonicamente. “Considero scontata l’alleanza con loro, dato che oltretutto hanno dato un giudizio positivo sui cinque anni dell’amministrazione Gaspari. La nostra intenzione ora resta quella di ripetere il laboratorio Marche avviato alle scorse regionali, aprendo la coalizione all’Udc”.

Centristi che però a San Benedetto si sono messi in moto con Amedeo Ciccanti, che ha prima avviato e poi ratificato la conformazione del cosiddetto Polo del Buongoverno, sbattendo di fatto le porte in faccia all’attuale primo cittadino, dopo l’iniziale corteggiamento dei passati mesi: “L’Udc vuole tenere un piede da una parte e uno dall’altra. Proveremo a cercare un accordo sino alla fine, senza dimenticare che ha votato il 60% delle delibere comunali proposte dall’attuale amministrazione”.

Nella lista dei sedotti infine compare pure Sel, a cui il Pd non smette di strizzare l’occhio. Un accordo che tuttavia quasi certamente rimarrà un’utopia del segretario marchigiano, considerati i rapporti sempre più tesi e i numerosi veti posti recentemente dai vendoliani al sindaco uscente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 248 volte, 1 oggi)