CUPRA MARITTIMA – Un gesto di beneficenza chiude ufficialmente la prima edizione della Festa di Sant’Antonio, tornata a celebrarsi dopo circa 40 anni, dietro proposta dell’amministrazione Comunale e la collaborazione dell’associazione “Tourist Ok”.

Durante il pomeriggio di giovedì 20 gennaio infatti, alla presenza degli organizzatori, del sindaco Domenico D’Annibali, dell’assessore alle attività produttive Alessandro Carosi, è stato consegnato al parroco di Cupra Marittima, Don Luigino Scarponi, parte del ricavato della manifestazione. Nella somma è compresa anche la “questua”: nei giorni precedenti alla manifestazione infatti alcuni ragazzi guidati dal presidente dell’Associazione Fabio Vagni e un gruppo di “cantori” coordinati dal professor Fernando Beri e Domenico Aureli, hanno fatto visita ad alcune abitazioni cuprensi cantando e suonando versi in vernacolo dedicati a San’Antonio.

Don Luigino ha approvato l’iniziativa ed ha sottolineato: “Speriamo che momenti come questi non rimangano semplicemente delle feste, è importante infatti sensibilizzare profondamente i giovani verso il valore delle tradizioni”. Dal canto loro, i ragazzi hanno affermato: “Effettivamente non conoscevamo questa ricorrenza ma speriamo di ripeterla il prossimo anno perché per noi è stata una bellissima esperienza”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 288 volte, 1 oggi)