DA RIVIERA OGGI NUMERO 854

ASCOLI PICENO – La Cestistica Ascoli Piceno si aggiudica il derby salvezza contro l’Adriatica Bitumi San Benedetto che torna sconfitta dal capoluogo non senza rimpianti: 73-64 il risultato finale con gli ascolani sempre in vantaggio nei precedenti parziali (21-18, 38-30, 55-49). I bianconeri compiono così un grosso passo avanti in classifica toccando quota 10 e lasciando dietro di 4 lunghezze la squadra del presidente Valori.

Eppure l’inizio gara sembrava far presagir un altro finale: i ragazzi di coach Romano iniziavano infatti con il piglio giusto raggiungendo vantaggi tra gli 8 e i 10 punti. Ma la Cestistica,  con pazienza e sfruttando numerosi errori difensivi dei sambenedettesi, tornava in carreggiata riuscendo a chiudere in vantaggio il primo quarto 21-18. Nonostante la buona vena offensiva di Valori e Dohar la squadra ospite pagava dazio a rimbalzo e concedeva agli ascolani,  guidati da un ispirato Mazzella, troppi tiri. Coach Romano le provava tutte, miscelando difese ad uomo e a zona, ma con scarsi risultati vista la poco aggressività mostrata dai suoi ragazzi. La Cestistica conservava sempre margini di vantaggio rassicuranti e chiudeva la gara senza patemi, grazie anche alla  scarsa grinta messa in campo dagli ospiti.

Ed ora diventa ancora più importante per il basket Club l’appuntamento del prossimo turno, quando a San Benedetto arriverà il Bramate Pesaro, fanalino di coda del campionato con 4 punti all’attivo. La vittoria è l’unico obiettivo possibile per la Samb.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 61 volte, 1 oggi)