ACQUAVIVA PICENA – C’è sgomento ed incredulità ad Acquaviva per la morte improvvisa di Matteo Olivieri, il ragazzo 22enne ritrovato dai genitori Leo Olivieri e Meri Marinelli senza vita sul suo letto nella mattinata di giovedì.

Figlio unico, lavorava da anni come idraulico al fianco del padre Leo. Amante del calcio, sport che praticava nelle basse categorie, era anche un appassionato di Poker.

Il dolore in breve tempo si è spostato su Facebook, dove molti amici hanno voluto lasciare un ricordo sulla sua bacheca personale. “Ancora non ci credo”, dice Matteo, mentre Sarah ne sottolinea l’educazione e la solarità: “Eri sensibile, non dimenticherò mai il tuo sorriso. Che Dio possa abbracciarti e donarti la vera pace”.

Ma l’omaggio più sentito è quello di Seba, uno che Matteo lo conosceva benissimo: “Era un amico, un fratello, su cui poter contare sempre, in ogni circostanza. Posso dire che non ho mai conosciuto una persona vera come lo era lui. Sempre sincero, schietto, altruista e soprattutto leale. Il suo sorriso e i suoi occhi erano pieni di vita. Quando lo guardavo mi faceva tornare il buon umore. Rimarrà sempre nel mio cuore e nei miei pensieri, sperando che veramente ci sia un’altra vita dopo la morte”. Infine un pensiero ai familiari: “Un forte abbraccio ai genitori e a tutti gli amici di Acquaviva che hanno condiviso con lui tutte le fasi della crescita fino ad oggi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 5.622 volte, 1 oggi)