MARTINSICURO – ALBA ADRIATICA   2 – 3

MARTINSICURO: Carfagna 6 Vallese 5,5(25’ st Camilletti 5,5), Piergallini 5,5, Scarpantoni 6, Paci 6(15’ st Colella 6), Capretti 6, Buccinà 6,5, Tarantella 6,5, Rossi Finarelli 6, Capretta 6, Picciola 6(25’ st Piunti 5,5). A disp. Rossi, Massetti, Carboni, Nepa. All. Fanì

ALBA ADRIATICA: Lucantoni 6, Aloisi 6, Colantoni 6, Palmarini 5,5, Scarpetti 6, Sacchetti 6, Di Giorgio 6,5, De Berardinis 6(37’ st  De Amicis 6), Ridolfi 6 (21’ st Vincenzi 5,5), Liguori 6(21’ st Palanca 5,5), Padovani 7. A disp. Moretti, Strozzieri, Antonacci, Bracaletti. All. De Amicis

Arbitro Consalvo di Lanciano

Reti: 18’ pt De Berardinis, 38’ pt Tarantella, 5’ st Ridolfi, 43’ st Buccinà, 54’ st De Amicis.

Note: L’incontro è stato sospeso al 43’ del secondo tempo per 9’ a causa di lancio di una bomba carta dietro la panchina del Martinsicuro. Espulso al 18 pt il tecnico del Martinsicuro Fanì. Ammoniti Paci, Padovani, Palanca.

Spettatori 450 circa con folta rappresentanza ospite,angoli 5 – 4 per il Martinsicuro.

MARTINSICURO – Una bomba carta lanciata nella panchina del Martinsicuro manda all’ospedale il diciannovenne Lorenzo Piergallini e mette in discussione il risultato di 3-2 conseguito dall’Alba Adriatica. Gli albensi infatti, sabato pomeriggio vincono il derby vibratiano, ma il risultato rimane sub-judice per la riserva scritta che la società locale ha consegnato all’arbitro al termine dell’incontro.

L’episodio in questione è avvenuto al 43’ della ripresa, quando con un tiro dai 30 metri Buccinà pareggia il conto delle reti. I giocatori locali si dirigono verso la panchina per festeggiare. A quel punto nei pressi della panchina viene lanciata una bomba carta. La fortissima deflagrazione provoca un fuggi fuggi generale tra i giocatori mentre sul terreno si accascia il difensore del Martinsicuro Lorenzo Piergallini. Prontamente soccorso dagli operatori dell’ambulanza presente allo stadio è stato accompagnato all’ospedale di San Benedetto del Tronto. Il giocatore era in stato confusionale con forte mal di testa. E’ stato ricoverato in osservazione ed è stato dimesso domenica mattina.

Avendo effettuato le tre sostituzioni i locali hanno dovuto giocare l’ultimo scorcio dell’incontro in inferiorità numerica. Le Forze dell’Ordine presenti nell’impianto hanno fermato un tifoso albense, portato poi in caserma per l’identificazione. Sono in corso indagini per accertare le responsabilità, e gli inquirenti potrebbero acquisire la registrazione dell’incontro trasmesso in diretta. Un episodio increscioso che poteva far degenerare l’incontro, visti gli oltre 400 tifosi presenti sugli spalti del Comunale, con forte rappresentanza ospite.

Tornando all’incontro va detto che è stato combattuto, animato e ricco di cronaca. Si riparte e al 3’ con un colpo di testa di Padovani con Carfagna bravo nella deviazione. La risposta è di Rossi Finarelli con il sinistro ribattuto da Lucantoni. Incontro ricco di capovolgimenti di fronte ed occasioni. Al 17’ è Picciola a provarci da sotto misura ma Lucantoni è attento. Ospiti in vantaggio con De Berardinis con un colpo di testa su azione d’angolo. Il pareggio al 38’ quando Rossi Finarelli si destreggiava sulla sinistra e sul teso cross arrivava la testa di Tarantella per il momentaneo pareggio. Inizio di ripresa con gli ospiti più attivi che trovano il vantaggio con un colpo di testa di Ridolfi, pescato a centro area da Liguori.  L’Alba continua ad attaccare e poco dopo è bravo Carfagna su conclusione di Liguori e poco dopo Aloisi al volo non centra la porta da posizione defilata. A questo punto gli ospiti sembrano fermarsi e i locali avanzano il baricentro. Di poco fuori una punizione di Rossi Finarelli mentre centra la barriera quella calciata da Colella. Gli ospiti sembrano annaspare ed allo scadere il gran destro di Buccinà dai 35 metri che colpisce il palo interno e finisce in rete. Poi l’episodio della bomba carta ed i nove minuti di sospensione. Durante l’ultimo minuto del recupero, con i locali in dieci, il calcio di punizione di De Amicis che si insacca alla destra di Carfagna consegna la momentanea vittoria agli albensi. Si attende ora la sentenza del Giudice sportivo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 991 volte, 1 oggi)