TABELLINO  Fabi Shoes Montegranaro- Cimberio Varese: 107-77.
FABI SHOES MONTEGRANARO
: Ford 15 (6/11, 0/1), Jones 18 (4/10, 2/4), Lupetti ne, Antonutti 20 (2/2, 5/6), Cavaliero 5 (1/2, 1/2), Maestranzi 19 (2/2, 5/6),  Ray 9 (2/6, 1/3), Canavesi ne, Cinciarini 2 (1/2, 0/1), Ivanov 19 (7/11, 1/1). All.: Stefano Pillastrini.
CIMBERIO VARESE: Demartini 1 (0/1), Goss 10 (4/11, 0/3), Mian 2 (1/1, 0/1), Bernardi ne, Righetti 22 (3/6, 4/4), Galanda (0/3, 0/2), Kangur 13 (5/6, 1/6), Lenotti ne, Fajardo 16 (4/5, 1/ 2), Slay 13 (5/7, 0/5). All: Carlo Recalcati.

Arbitri: Chiari Roberto3qw, Taurino Paolo, Bettini Gabriele.
Note: parziali 34-24; 25-27 (59-51); 33-15 (92-96); 15-11 (107-77). Tiri da due Montegranaro 25/46, Varese 22/40; tiri da tre Montegranaro 15/24, Varese 6/23; tiri liberi Montegranaro 12/13, Varese 15/17; assist Montegranaro 10, Varese 11; stoppate Montegranaro 5, Varese ; schiacciate Montegranaro 6, Varese 3.
Fallo antisportivo: Goss (V) al 14’ 26” (43-34), Fajardo (V) al 24’ 33” (70-57), Kangur (V) al 26′ 28 (76-63) .
Spettatori: 2800

PORTO SAN GIORGIO – Dopo il pesante stop di Roma, la Sutor ritrova la grinta, domina contro una Varese alquanto disorientata e conquista due punti importanti per la corsa alle Final Eight.

Vittoria stranamente facile per i gialloblu. La Cimberio, rimasta a contatto per tutto il primo tempo, subisce l’aggressività e la continuità della Fabi per il resto della gara. C’è da dire che all’appello di coach Recalcati mancavano gli infortunati Jobey Thomas (ex sutorino) e Rannikko, assenze importanti, per non dire determinanti alla fine dei giochi. Le evidenti lacune della difesa ospite, sopperite nel primo tempo dalla brillante prova di Righetti (20 punti e 4/4 da tre prima della pausa lunga), sono diventate una voragine quando è venuta a mancare anche la lucidità in attacco. Questo non per sminuire la prestazione della Sutor, che finalmente ha dato prova di straordinario carattere, concreta nei momenti decisivi e  determinata fino alla fine.

Ritmo serrato già dai primi minuti, c’è equilibrio tra le due squadre. Punteggio da subito altissimo, molte le conclusioni dalla lunga distanza. La tripla di Ivanov dà il via alle bombe finali di Jones e Maestranzi da una parte e Righetti e Kangur dall’altra. E proprio allo scadere arriva la più assordante, quella tirata da metà campo dal play italo-americano che fa esplodere il palazzetto (34-24).

Riparte di nuovo Righetti da tre, lo segue Fajardo che accorcia il gap (34-32). Tocca all’ MVP Antonutti con le sue due triple incrementa il vantaggio (48-34). Ivanov raggiunge il +14 (50-36). Recalcati prova la zona e in pochi minuti Varese rientra. La tripla di Maestranzi manda tutti al riposo lungo sul 59-51.

Al rientro in casa Sutor esplode tutta la voglia di riscatto, sembra inarrestabile. Prima Ray poi il cecchino Maestranzi sono precisi dall’arco. Ma il vero protagonista del periodo è   il friulano Antonutti che realizza un 3/3 da tre (conclude con 20 punti e 6/7 da tre) e allunga il gap a +18 (81-63) coadiuvato da un ottimo Ford che torna in doppia cifra. Varese è allo sbando, non riesce a concretizzare, difende male e resta a guardare mentre la Sutor chiude il periodo dalla lunetta 92/66.

L’ultimo quarto è pura formalità, la Città di Varese sembra aver gettato le armi, contiene in parte i colpi ma non aveva ancora fatto i conti con un motivato Bobby Jones, autore di 7 punti fila. Dagli spalti parte la ola e  Ivanov conclude 107-77.

Risultato stellare per la squadra di coach Pillastrini, salgono così a sette le vittorie pari merito con le sconfitte. Bisognerà scendere in campo con questo spirito per affrontare al meglio l’ultima gara di andata in trasferta a Biella, importantissima in chiave Final Eight.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 305 volte, 1 oggi)