TOLENTINO-CENTOBUCHI 1-4 (1°T. 1-1)
CENTOBUCHI: Spina, Alessandrini (51′ Tiburzi), Angelini (92), Valente, Silvestri, Consiglio, Filiaggi (91), Pesce (91)- (63′ Carioti 91) , Caselli, Lunerti (85′ Kodra 93), Frinconi. A disposizione: Camaioni (91), Cappella (91), Mattia Coccia (93), Ciabattoni (93). Allenatore: Stefano Nico
TOLENTINO: Caracci (92), Ortolani (91), Pistelli (93), Iacoponi, Capparuccia, Salvatelli, Panti (58’Marcoaldi), Fermani, Tonici (89′ Carlacchiani 93), Verdolini (71′ Aquilanti 92), Melchiorri. A disposizione: Losego (94), Serafini (92), Mazzoni (94), Rocchegiani (93). Allenatore: Roberto Mobili.
Arbitro: Giacomo Poentini Pompei di Pesaro coadiuvato dagli assistenti: Andrea Ubaldi di Fermo e Giovanni Gasparrini di San Benedetto del Tronto.
Reti 11′ Tonici (T) su rigore, 41′ Caselli (C), 50′ Tonici (T), 75′ Marcoaldi (T), 93′ Melchiorri (T).
Ammoniti: Silvestri (C), Spina (C), Angelini (C), Marcoaldi (T).
Angoli: 7-4.
Recuperi: 1’+4′.

Spettatori: 180 circa, tra cui il Diesse della Samb Spadoni, l’allenatore della Samb Juniores Consorti, il tecnico dell’Amandola Clerici, il terzino del Grottammare scuola Samb Falà, ed il bomber del Chieti ex bandiera del Centobuchi con cui nel 2006 vinse il campionato d’Eccellenza Marche, Rosa.

Annotazioni: Centobuchi nella tradizionale casacca biancoceleste, Tolentino in quella cremisi.

Curiosità: L’ultima volta che le due squadre si erano incontrate al Nicolai (allora solo Comunale) di Centobuchi, prima di oggi è stata nella stagione 2008/09 in Serie D e finì 1-1 (13′ Smerilli [C], 89′ Marani [T] ). Questo pari portò agli esoneri del tecnico Izzotti e del Diesse Cicchi da parte dell’allora presidente dei monteprandonesi Mongardini. Al termine di quella stagione la squadra cremisi sarebbe poi retrocessa In Eccellenza dopo i play out persi contro il real Montecchio.
Nella personale classifica degli scontri diretti del girone d’andata tra le attuali prime 4 squadre del torneo il Tolentino è in testa con 7 punti raccolti frutto di 2 successi (entrambi per 0-2 sui campi di Fermana ed Elpidiense) ed un pari (1-1 ad Ancona). Nel girone di ritorno la squadra di Mobili giocherà tutti e tre gli scontri diretti in casa.

MONTEPRANDONE- Inizia male il 2011 e il girone di ritorno del Centobuchi (che veniva da 6 risultati utili consecutivi) battuto dal Tolentino (al sesto risultato utile consecutivo) che ha espugnato il Nicolai calando un poker troppo severo per quanto visto in campo. Primo tempo equilibrato e chiuso in parità dai monteprandonesi che erano riusciti meritatamente a pareggiare il vantaggio iniziale della squadra ospite. Poi nella ripresa complici alcune sviste arbitrali del Signor Poentini Pompei di Pesaro sono usciti fuori i maggiori valori tecnici dei cremisi che hanno preso il largo e dominato portando a casa 3 punti vitali per proseguire l’inseguimento alla vetta e dunque al duo di testa Ancona 1905 e Fermana.

La squadra di Nico comunque ha retto bene finchè ha potuto dimostrandosi avversario degno e di carattere vista la reazione immediata (con diverse azioni offensive create) allo svantaggio iniziale , ma anche un po sprecone sottoporta in quanto ai punti i locali avrebbero potuto chiudere la prima frazione addirittura in vantaggio se non avessero sciupato alcune occasioni limpide da gol.

Al vantaggio iniziale della formazione ospite su rigore trasformato dal bomber Tonici ha risposto in chiusura di primo tempo Caselli (al quarto centro stagionale) autore di un gran gol anche dal punto di vista balistico. Ad inizio ripresa la squadra di Mobili si riportava in vantaggio ancora col capocannoniere del torneo Tonici (che con questa doppietta ha rafforzato la sua leadership nella classifica cannonieri portandosi a quota 13 reti) che firmava la sua personale doppietta anche se la rete dell’1-2 era in sospetta posizione di fuorigioco poi alla mezz’ora triplicava l’italo-argentino Marcoaldi (che a dicembre era stato alungo corteggiato dal Servigliano ma non è voluto scendere in 1° categoria, preferendo rimanere a Tolentino e dunque in Eccellenza) e nel recupero Melchiorri (al quarto centro stagionale) arrotondava ulteriormente il punteggio.

La cronaca: Al 9′ Frinconi penetrato nell’area ospite sfiorava in diagonale il palo destro.

All’11 giungeva il vantaggio del Tolentino. Spina atterrava in area Melchiorri ed il direttore di gara indicava il dischetto, ammonendo l’estremo biancoceleste . Dagli 11 metri si portava il bomber Tonici che trasformava spiazzando Spina.
La reazione dei locali era immediata e di carattere . Nel giro di pochi minuti infatti il Centobuchi aveva due limpide palle gol per ristabilire subito la parità. Al 13′ tiro-cross di Caselli allontanato vicino la linea di porta da Pistelli, anticipando provvidenzialmente Frinconi pronto ad intervenire sulla sfera.

Un minuto dopo era la volta di Lunerti che lanciato a rete saltava Caracci in uscita, e appoggiava per l’accorrente e ben piazzato Frinconi il cui tentativo veniva però ribattuto dalla difesa ospite.

Al 25′ su cross dalla destra di Alessandrini, usciva a vuoto Caracci con sfera poi messa in corner da un difensore cremisi.

Al 28′ su cross di Melchiorri, Tonici agganciava in area sulla sinistra e concludeva in diagonale con sfera che sfiorava il palo destro.

Al 40′ punizione dal limite di Iacoponi respinta a terra da Spina, il quale allontanava la sfera anticipando Tonici pronto per la correzione vincente da pochi passi, poi si creava una nuova mischia davanti alla porta biancoceleste con Silvestri che spazzava la nuova minaccia.

Un minuto dopo (41′) arrivava il meritato pareggio dei locali con un’euro-gol di Caselli. Filiaggi (che sta ritrovando la forma migliore) dalla destra serviva al limite dell’area Caselli il quale centrava l’incrocio dei pali (sinistro) con una splendida volè che metteva fuori causa l’incolpevole Caracci. Grande era l’esultanza del pubblico locale e di tutta la squadra biancoceleste con grandi abbracci tra campo e panchina.
Passava ancora un minuto (42′) e Silvestri in tuffo di testa nel tentativo di anticipara un attaccante ospite sfiorava la clamorosa autorete con sfera che terminava in corner.

Al 45′ dopo una ribattuta della difesa ospite la sfera giungeva sulla destra al guizzante Filiaggi che al volo non inquadrava lo specchio con sfera che terminava sul fondo.

Al 50′ i cremisi tornavano in vantaggio. Lancio dalle retrovie in area per Tonici che in presunta posizione di fuorigioco agganciava e fulminava di collo Spina con sfera che si infilava sotto la traversa.
Due minuti dopo (52′) conclusione in area di Verdolini respinta in corner dall’attento Spina.

Sugli sviluppi dell’angolo colpo di testa di Melchiorri di poco a lato con sfera che sfiorava il palo destro.

Al 75′ giungeva il terzo gol ospite. Lancio di Iacoponi per il nuovo entrato Marcoaldi il quale si portava avanti la sfera e dal limite concludeva infilando imparabilmente in rete.
All’86’ Melchiorri in diagonale sfiorava il palo destro.

All’89’ su cross dalla sinistra di Filiaggi conclusione sottomisura del nuovo entrato Carioti, deviata miracolosamente in corner da Caracci.

Al 91′ serpentina dalla sinistra di Melchiorri il cui tiro-cross veniva toccato da Spina ed allontanato poi da Angelini prima che il nuovo entrato Aquilanti potesse arrivare sulla sfera.

Al 93′ la formazione cremisi calava il poker. Svarione di Silvestri che colpiva di testa all’indietro lanciando involontariamente a rete Melchiorri il quale saltava Spina in uscita ed infilava a porta vuota, fissando il punteggio sull’1-4.
Il Centobuchi con questo ko (l’undicesimo stagionale, il quarto in casa) viene agganciato al 17° posto dal Real Metauro (che ha impattato a Fabriano) e scavalcato da Atletico Piceno (che ha liquidato tra le mura amiche il fanalino di coda Urbino) e Grottammare (che ieri aveva vinto l’anticipo interno contro l’Urbania). Ora i monteprandonesi sono a -3 dalla zona salvezza e domenica saranno ospiti della Belvederese (che ha impattato a Macerata) reduce da 3 risultati utili consecutivi e che all’andata si impose al Nicolai per 0-1.

Mentre il Tolentino (che resta assieme all’Ancona 1905 l’unica squadra ancora imbattuta in trasferta e anche quella che ha fatto più punti esterni: 21) con questo importante successo (l’undicesimo stagionale, il quinto esterno) scavalca l’Elpidiense (che ha pareggiato in casa con la Biagio Nazzaro) riportandosi alle spalle delle capoliste Ancona 1905 e Fermana entrambe vittoriose rispettivamente su Vis Pesaro (4-0 interno) e Sangiustese (0-1 esterno). Il distacco dei cremisi dalla vetta rimane invariato ossia di 3 lunghezze. La squadra di Mobili in attesa di affrontare mercoledì sul neutro di Civitanova l’Ancona 1905 nella finale regionale di Coppa Italia, questa domenica ospiterà in campionato, la Fortitudo Fabriano reduce da 4 pareggi consecutivi (ultimo dei quali l’1-1 interno col Real Metauro).

INTERVISTE:
In sala stampa sono intervenuti in tre : i tecnici delle 2 squadre Stefano Nico per il Centobuchi e Roberto Mobili per il Tolentino ed il Diesse dei monteprandonesi Mauro Traini.

Il primo a raggiungere taccuini e microfoni è stato un deluso Traini il quale ha sintetizzato la gara : ” Abbiamo giocato un gran primo tempo
in cui potevamo segnare diversi gol. Poi nella ripresa il Tolentino ha dominato impadronendosi del campo e dimostrando la sua superiorità tecnica. L’arbitraggio? Non giudicabile, troppo scarso, il direttore di gara non riusciva a controllare la partita. Però va detto che le decisioni prese, molte delle quali sbagliate non hanno influito sul risultato “.

Poi è stata la volta di un alterato Nico che non ci sta:” Sono amareggiato per come è maturata la sconfitta. Perdere così fa male. Intendiamoci perdere con una grande squadra come il Tolentino la migliore a mio avviso tra quelle viste finora nel giocare la palla a terra, ci può stare ma non in questo modo. Perdere per delle errate decisioni arbitrali no, non ci sto, è inaccettabile. Quando ci vengono ad arbitrare non vogliamo aiutini ma pretendiamo però rispetto. Questo non è il calcio che vorrei commentare. Io preparo le partite , la squadra fa il suo gioco, e viene penalizzata da queste chiamiamole disattenzioni o errori arbitrali, ripeto fa male. Oggi siamo stati condannati da 3 falli in attacco del Tolentino non fischiati a nostro favore che hanno scaturito altrettanti gol. Non stiamo parlando di situazioni difficili da valutare ma dell’ABC del regolamento, se c’è un fallo bisogna fischiarlo, non ignorarlo. Nel primo tempo la squadra ha dato il massimo creando molto, io ho contato almeno 4 palle gol. Poi nella ripresa abbiamo avuto un blocco mentale dovuto al loro gol (quello dell’1-2) segnato in fuorigioco. Di solito è la legge del calcio che chi in un modo o nell’altro finalizza per primo le proprie occasioni o chi comunque meno sbaglia alla fine vince. Comunque scusate per il nervosismo a caldo ma perdere per fattori esterni da fastidio “.

Infine ha parlato Mobili : “Questo era un campo difficile, il Centobuchi è una buona squadra che ho visto spesso all’opera quest’anno e sapevo che era in continua crescita. Nel primo tempo eravamo in difficoltà e messi male in campo, io ho chiesto di tenere duro e di finire la prima frazione. Poi nella ripresa eravamo come prevedevo più sciolti e ci siamo espressi meglio. Cambi troppo offensivi anche quando stiamo vincendo? Si metto in corsa spesso giocatori offensivi invece di mettere difensori ma il merito non è il mio ma di chi va in campo e si sacrifica rientrando e ripiegando oltre che attaccare tutto al servizio della squadra insomma. Arbitraggio favorevole a noi? Io non commento mai le decisioni arbitrali. La finale di coppa Italia? Si ci teniamo a giocarcela contro l’Ancona ma prima c’è la gara di campionato con la Fortitudo Fabriano che conta molto di più per noi. ”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 332 volte, 1 oggi)