SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dicevano gli antichi: se Atene piange, Sparta non ride. Così, mentre la Samb è costretta a fare i conti con ben quattro squalifiche (Covelli, Di Vicino, Moscarino e D’Angelo) e con l’influenza dell’ultimo minuto di Salvagno, anche in casa Civitanovese si fanno i conti con tante assenze sicure. L’allenatore ospite Gabriele Morganti dovrà infatti fare a meno degli infortunati Buonaventura, Mandorino e Forani e degli squalificati Orlando e Paniccià, mentre probabilmente il rientrante capitano Serrapica, fuori dal 17 ottobre, dovrà accontentarsi della panchina.

Potrebbe invece scendere in campo l’ultimo acquisto della Civitanovese, il giovane difensore sinistro classe 1992 Matteo Gandelli, mentre l’altro giovane proveniente dall’Ascoli, l’attaccante Matteo Palma, non è ancora a posto col tesseramento. Proprio nella giornata di lunedì 3 gennaio è arrivata un’altra operazione di mercato, uno scambio con l’Empoli: in Toscana è andato l’attaccante classe ‘94 Riccardo Cingolani, mentre in riva al Chienti è arrivato Osagiede Osayi, classe ‘93 e anche lui attaccante.

Per quanto riguarda la Samb, mister Boccolini sembra orientato a confermare in porta Bortone nonostante l’arrivo di Turbacci, mentre sembra difficile il recupero di Salvagno, che è stato comunque convocato. La formazione che darà l’assalto alla prima vittoria dell’anno dovrebbe perciò essere quella già da noi ipotizzata. Sarà in ogni caso una partita da non perdere, grazie alla festa-gemellaggio e alla presenza delle telecamere di Rai Sport: l’inizio, lo ricordiamo, sarà alle ore 15. I tifosi della Civitanovese, data la chiusura della curva ospiti, saranno sistemati nella Tribuna Laterale Nord, come già gli altri “gemellati” del Rimini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 437 volte, 1 oggi)