SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Area per la Grande Opera, nonostante il Consiglio comunale abbia appena deciso ufficialmente quale terreno proporre alla Fondazione Carisap (clicca qui), giunge la formale proposta della società ColVerde, che offre come “liberalità” al Comune una porzione del suo vasto appezzamento di terreno fra la collina di zona Ragnola e la strada Salaria (via Torino).

Il 31 dicembre, comunica una nota della società immobiliare presieduta dal noto costruttore sambenedettese Gino Gasparretti, è stata protocollata la lettera al Comune di San Benedetto del Tronto e per conoscenza alla Fondazione Carisap. Nel testo si legge: “Nel prendere atto di ciò che ha riportato la stampa locale sulla vicenda della Fondazione Carisap, il consiglio di amministrazione della sottoscritta società, tramite il presidente Cav. Gino Gasparretti, ritiene opportuno confermare e formalizzare la volontà di cedere gratuitamente l’appezzamento di terreno. In relazione a quanto sopra la Colverde srl si impegna a donare, incondizionatamente, al Comune di San Benedetto del Tronto un’area avente la estensione di 15 mila mq. con il vincolo di destinazione per l’opera che vi dovrà realizzare la Fondazione Carisap”.

E ancora nella lettera: “L’atto di liberalità potrà essere stipulato non appena sarà data comunicazione da parte dell’amministrazione comunale della volontà di accettazione per lo scopo anzidetto, accettazione che dovrà essere manifestata in tempi ragionevoli e quindi entro un paio di mesi. La Colverde srl da subito è a disposizione dell’ufficio tecnico di questo Comune e dei delegati della Fondazione per ogni necessità. Si ritiene che la collettività possa trarre dei benefici in termini di rivalutazione del territorio, occupazione, immagine e quant’altro. Nella certezza di poter così contribuire alla crescita e allo sviluppo della città, la Colverde srl e per essa i soci e il consiglio di amministrazione restano in attesa di conoscere le determinazioni dell’amministrazione comunale e della stessa Fondazione Carisap”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 540 volte, 1 oggi)