Ingredienti (per 4 persone)
320 grammi di riso carnaroli
50 g di burro
il succo e la scorza di 2 arance
½ bicchiere di vino bianco
100 g di taleggio
Parmigiano Reggiano grattugiato
un rametto di timo

Per il brodo vegetale

1 lt di acqua
1 cipolla
1 spicchio di aglio
½ gambo di sedano
1 pomodoro rosso
Sale, pepe, prezzemolo

1. Preparate il brodo mettendo tutti gli ingredienti in una pentola con acqua fredda. Fate sobbollire il brodo per 40 minuti. Aggiustate di sale e filtrate il tutto.

2. In un tegame fate tostare il riso con un noce di burro (fiamma bassa). Il riso sarà tostata al punto giusto quando i chicchi iniziano a diventare traslucidi. Sfumate la preparazione con il vino bianco.

3. Iniziate a versare il brodo, un mestolo alla volta, avendo cura che il riso assorba tutto il liquido prima di aggiungerne ancora. Girate il risotto con un cucchiaio di legno, così facendo i chicchi libereranno l’amido che renderà la preparazione più cremosa.

4. A metà cottura aggiungete il succo d’arancia.

5. A cottura ultimata aggiungete al risotto il taleggio tagliato a pezzettini e il parmigiano. Mantecate il tutto girando dolcemente a fuco lento. Spegnete il fuoco e aggiungete una noce di burro per lucidare.

6. Servite il risotto con le scorze d’arancia candita e del timo fresco

Per candire le arance
Tagliate a striscioline la scorza d’arancia. In una padellina scaldate due cucchiai di zucchero di canna con una goccia d’acqua. Aggiungete le scorze d’arancia e fatele rotolare nella padellina fino a che non saranno dorate. Scolate le scorze e lasciatele freddare su di un pezzo di carta forno facendo attenzione a distanziarle bene le une dalla altre.

Il bicchiere giusto
Un vino piacevolmente fruttato come un Gewurztraminer sposa bene le note fruttate di questo risotto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 342 volte, 1 oggi)