TABELLINO  Fabi Shoes Montegranaro- Pepsi Caserta: 87-89.
FABI SHOES MONTEGRANARO
: Ford 18, Jones 9, Nasini ne, Antonutti 3, Cavaliero 5, Maestranzi 10, Ray 16, Canavesi ne, Cinciarini 4, Ongenaet 3, Ivanov 19. All.: Stefano Pillastrini.
PEPSI CASERTA
: Marzaioli ne, Koszarek 5, Colussi 2, Parrillo ne, Di Bella 16, Bowers 17, Garri 4, Ere 18, Martin 2, Williams 11, Jones 14.  All: Stefano Sacripanti.
Arbitri
: Gianluca Mattioli, Massimiliano Filippini, Massimiliano Barni.

Note: parziali 26-26; 10-14 (36-40); 19-16 (55-56); 20-19 (75-75); 12-14 (87-89). Tiri da due Montegranaro 31/49, Caserta 31/51; tiri da tre Montegranaro 3/16, Caserta 6/19; tiri liberi Montegranaro 16/22, Caserta 9/19; assist Montegranaro 9, Caserta 9; stoppate Montegranaro 5, Caserta 2; schiacciate Montegranaro 5, Caserta 3. Usciti per cinque falli: Ray (M) al 41’ 57” (79-80), Williams (C) al 42’ 10” (79-81).
Spettatori: 2800

PORTO SAN GIORGIO – La Fabi, chiamata di nuovo in campo nell’anticipo del sabato, non riesce nell’impresa Pepsi. Per la terza volta di fila, davanti ad uno spopolato Palasavelli, perde contro una grintosa Caserta che sembra aver ritrovato la giusta carica dopo un avvio di stagione difficile. Una partita caratterizzata sicuramente dall’equilibrio, spesso giocata punto a punto, ma dove i ragazzi di coach Sacripanti hanno sempre dato il ritmo al gioco. Ai gialloblu l’ultima occasione per chiudere il match allo scadere dei 40 minuti ma Ray spreca dalla lunetta. Il botta e risposta continua ai supplementari, alla fine i due falli di Ivanov su Jumaine Jones, micidiale nell’ultimo periodo, decidono le sorti della gara, Cavaliero tenta il disperato canestro del sorpasso prima e del pareggio poi ma la palla non si decide a entrare.

Avvio lento per entrambe le squadre, una breve fuga della Sutor (18-10) fa dimenticare per un attimo la prova negativa contro Cantù. Ci pensa Bowers a spegnere ogni speranza e in pochi minuti Caserta raggiunge il vantaggio del 23-26, nonostante l’aiuto dalla panchina con la splendida schiacciata di Ongenaet. La tripla in chiusura di Antonutti riporta la parità (26-26).

Nel secondo quarto, tante le palle perse della Sutor (15 alla fine del primo tempo), appare spenta e poco combattiva, ne approfittano i casertani che con la tripla di Di Bella raggiungono il massimo vantaggio del + 8 (32-40). I gialloblu cercano di contenere i colpi, Sutor al riposo sotto di 4 (36-40).

Rientro energico per entrambi i roster, dopo il recupero gialloblu firmato Ford (a fine terzo quarto 15 i punti per lui, 7/8 da due e 12 rimbalzi), i primi tre punti dalla lunga distanza di Maestranzi (48-49), danno il via al botta e risposta nell’area pitturata. Il massimo vantaggio del +1 si alterna tra le due squadre, Jones dalla lunetta sigla il pareggio (51-51) ma alla fine è Caserta a chiudere in vantaggio (55-56).

Si procede sul filo dell’equilibrio, capitan Cinciarini, autore del primo sorpasso, butta via un contropiede e Caserta rientra con Ere (63-62). Ivanov allunga il gap a +3, poi l’uomo che non ti aspetti diventa  il condottiero degli ultimi minuti, Jumaine Jones mette la prima straordinaria bomba e riporta la parità (65-65). Si procede punto a punto fino all’ultimo centesimo di secondo. La disattenta difesa gialloblu concede a Di Bella il canestro dell’ultimo vantaggio 74-75. Arriva provvidenziale il fallo di Jumaine Jones su Ray, che ha in mano i liberi della vittoria ma converte in parità, è overtime.

Nel supplementare l’ago della bilancia continua a spostarsi da una parte e dall’altra, fino ai due sbadati falli di Ivanov sul cecchino Jones, preciso dalla lunetta firma il sorpasso della vittoria per 87-89. Cavaliero si prende la responsabilità dell’ultimo possesso che sbaglia e regala la vittoria alla Pepsi.

L’attesissimo derby delle marche è il prossimo impegno dei ragazzi di coach Pillastrini, un altro anticipo sotto l’albero, stavolta in trasferta all’Adriatic Arena il giorno di Natale davanti le telecamere di Sky.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 326 volte, 1 oggi)