ASCOLI PICENO – L’Assessore con delega al Piceno Antonio Canzian ha incontrato i cittadini martedì sera alla libreria Rinascita di Ascoli Piceno per fare il punto sull’operato della Regione a favore del territorio dopo  questi primi mesi di incarico.

Uno scambio di opinioni con i presenti e un’illustrazione dettagliata dei fondi messi a disposizione nei vari settori. Ma la cosa che ha tenuto a sottolineare Canzian è che i tagli operati dal governo centrale stanno mettendo in seria difficoltà Regioni, Province e Comuni.

“Gli enti locali sono in ginocchio. – spiega – Il piano del Governo è quello di scaricare tutto su Regioni e Comuni, in modo tale che i cittadini finiscano col prendersela con loro, considerando che il 65% dei Comuni è governato dal centrosinistra. Dispiace che le amministrazioni locali, e putroppo anche i cittadini, non si rendano conto di chi sono le responsabilità”.

QUATTRO MACROAREE. Per Canzian insomma, l’azione della Regione è ingessata. “Ma nonostante tutto – dice – abbiamo fatto delle scelte strategiche, indirizzando i nostri sforzi su quattro macroaree: politiche sociali, sostegno a chi ha perso o cerca il lavoro, turismo e cultura, green economy. Più di questo, con i fondi che abbiamo, non è possibile fare”.Poi nel dettaglio,ecco gli interventi di maggior interesse per Ascoli e per il Piceno. In particolare per quello che riguarda Sanità, Università e Infrastrutture.

“NON SIAMO IL TERZO MONDO”. “Non siamo il terzo mondo della Sanità, come qualcuno vuol fare credere prendendo un dato su 10 mila (il riferimento è alla lettera sulle prenotazioni del consigliere Barboni)”. – Attacca l’ex assessore provinciale all’urbanistica – “Al contrario siamo quarti in Italia e l’Italia è ai vertici del mondo. Ma ci vuole una maggior condivisione delle scelte a livello locale. Siamo in attesa dell’impiantazione della Pet ad Ascoli e della Neurochirurgia a San Benedetto. Il primo passo da fare è quello degli Ospedali Riuniti di Ascoli e San Bendetto con una unica gestione amministrativa. E questo deve essere propedeutico alla futura Azienda Ospedaliera, che necessita però di tempi più lunghi”.

“L’ELEVAZIONE CULTURALE PREOCCUPA”. L’assessore parla degli oltre 8 milioni di euro che la Regione ha messo a disposizione del Comune di Ascoli per il Polo Universitario, rimasti bloccati per oltre dieci anni. “Se negli ultimi anni l’Università non è stata considerata – dice Canzian – è perchè questa potrebbe generare una elevazione culturale che qualcuno vede come un grande pericolo, mi riferisco alla parte più conservatrice della città. Ancora oggi rimane comunque una cosa distante e distaccata rispetto alla città, quando invece essa rappresenta una grande risorsa.”

METROPOLITANA ENTRO IL 2012. Entro il 2012 dovranno concludersi i lavori per la realizzazione della metropolitana di superfice. “Per questo intervento – dice Canzian – la Regione ha stanziato 9,5 milioni di euro su un totale di costo dell’opera di 11,2 milioni. Inoltre, entro l’estate del 2013, è prevista l’eliminazione del passaggio a livello di Porto d’Ascoli e la realizzazione del sottopasso, per cui su un totale di 5,5 milioni di euro la Regione ne ha messi ha disposizione 3,3. Oltre un milione di euro saranno destinati al ripristino delle fermate di San Filippo e Marino del Tronto di Ascoli e di quella di Stella di Monsampolo e alla riqualificazioni delle altre già esistenti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 90 volte, 1 oggi)