SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Certo che è una contraddizione – meritoria, o meno: il Ministero di Brunetta richiama l’amministrazione del sindaco Gaspari (pare la stessa cosa sia avvenuta in passato con l’amministrazione di Macerata) perché ha indicato più del 10% dei dirigenti a tempo determinato (leggi: in maniera discrezionale) e non attraverso una pubblica selezione. Contraddizione – al di là del giusto merito, probabilmente – perché Brunetta incarna lo spirito della positività delle competenze private rispetto alle impoltronite o supposte tali professionalità del pubblico. Ma forse sbagliamo noi.

Fatto sta che con una lettera dello scorso 3 dicembre a firma della dirigente del Dipartimento per la Funzione Pubblica Cristina Pirro, inviata al Comune di San Benedetto e al sambenedettese Roberto Benigni, sindacalista regionale dell’Anvu, l’Associazione Professionale della Polizia Locale, si fa riferimento al vale a dire il Decreto Legislativo 150/2009, in base al quale le nomine dirigenziali a tempo determinato non possono superare il totale dei dirigenti in servizio, “cosa che il Comune di San Benedetto ha ampiamente superato” scrive Benigni (il quale ha lavorato alla metà degli anni ’90 come vigile estivo a San Benedetto, e successivamente, invece a Numana, presentando poi un esposto riguardo la nomina di Luigi Coccia come comandante della Polizia Municipale sambenedettese).

Si legge nella lettera di Cristina Pirro: “Roberto Benigni ha segnalato presunte irregolarità nelle modalità di conferimento dell’incarico dirigenziale adottato da Codesto comune con decreto del 28 dicembre 2007 n. 4 e poi più volte prorogato”.

La lettera si conclude poi in questo modo: “Nel richiamare all’osservanza anche delle istruzioni impartite da questo Dipartimento della Funzione Pubblica si prega di voler fornire indicazioni su quanto segnalato comunicando allo scrivente l’eventuale adozione, in autotutela, di atti di annullamento o rettifica di provvedimenti emanati se ritenuti irregolari alla luce delle fornite indicazioni”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 346 volte, 1 oggi)