MARTINSICURO – Arrestato a Martinsicuro un algerino ventenne spacciatore, considerato l’anello di congiunzione tra i grossi fornitori campani di droga e il mercato locale della Val Vibrata. Nonostante la giovane età, Maher Gazzeh, da tutti conosciuto con il soprannome di Kakà, ha già alle spalle diversi arresti per reati vari e un provvedimento di espulsione pendente mai ottemperato. L’extracomunitario era stato coinvolto lo scorso mese di settembre anche in un’inchiesta della procura di Santa Maria Capua a Vetere (Caserta) ed era stato arrestato a Martinsicuro a seguito di un blitz dei Carabinieri in un appartamento di via Capri, che occupava abusivamente con altri extracomunitari.

Rimesso in libertà e con un decreto di espulsione della Questura di Teramo, l’algerino è però sempre rimasto a Martinsicuro, continuando nelle attività di spaccio di eroina e cocaina. Il giovane si procurava la droga da fornitori campani e la immetteva nel mercato locale servendosi di piccoli spacciatori extracomunitari. Solo in casi eccezionali, e dietro specifiche richieste telefoniche, era lui stesso a fare le consegne.

A seguito delle indagini dei Carabinieri del Nucleo Operativo di Alba Adriatica e del rapporto rimesso al Tribunale di Teramo, è scattato l’ordine di arresto per spaccio di droga e violazione della legge sull’immigrazione. L’algerino a Martinsicuro alloggiava a casa di un conoscente. Le indagini hanno portato inoltre a segnalare alla Prefettura una quindicina di tossicodipendenti che si rifornivano dall’extracomunitario.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 204 volte, 1 oggi)