Futsal Samb: Putano, Pennacchietti, Mindoli, De Oliveira, Da Silva, Blankleider, Rescia, Renoldi, Vallucci, Gabaldi. Allenatore Paolo Perugini
B.P.P.Verona: Bortolotto, Perottoni, Texteira, Brancher, Lamanna, Penzo, Tres, Bresciani, Targa, Abraham, Anselmi, Carone. Allenatore Fabian Lopez
Marcatori: 8’ Lamanna, 16’ Rescia, 18’30’’Marcio del s.t.
Tiri liberi: 0-1
Ammoniti: Teixeira (V), Tres (V), Da Silva (FS)
Espulsi: Da Silva (FS) per doppia ammonizione
Arbitri: Giancarlo Lombardi (Roma 1), Mario Donati (Foligno). Crono Andrea Bracalente (Fermo)
Spettatori: 250 circa

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Turno infrasettimanale per la Futsal Samb, nella undicesima giornata di serie A2: arriva la terza sconfitta consecutiva davanti al pubblico di casa contro Verona.
La formazione sambenedettese prova a riscattare la sconfitta rimediata contro Rieti (9 gol incassati dalla compagine laziale), la formazione scaligera punta al poker di successi di fila, ma Fabian Lopez deve fare i conti con le pesanti assenze di Kakà, Sachet e Bearzi.

Parte bene la Samb, con una buona circolazione di palla. La formazione scaligera è attenta in fase difensiva, non ci sono grandi occasioni da gol nelle primissime battute del match. Ci prova Bresciani all’ 8 minuto, risponde immediatamente Rescia e subito dopo Mindoli, che sfiora il vantaggio.
I ragazzi allenati da mister Perugini gestiscono bene la palla, sembrano più concentrati rispetto alle ultime uscite, ma il Verona resiste, senza creare particolari apprensioni alla difesa sambenedettese.
Proprio in chiusura di primo tempo a 40 secondi dal termine, Bresciani dopo una ripartenza velocissima non chiude il contropiede a tu per tu con Putano.
Si va al riposo sullo 0-0.

La ripresa si apre con un piglio diverso degli ospiti, gestiscono meglio la palla e si rendono più pericolosi anche in fase d’attacco. Le occasioni per la formazione allenata da Lopez si susseguono ed è il solito Bresciani che impensierisce Putano e compagni, colpendo la traversa. Gli ospiti alzano il livello di gioco e all’ 8 minuto il capitano Lamanna sblocca il risultato: l’attaccante scaligero approfitta di una disattenzione della difesa sambenedettese, siamo sull’ 1-0 per gli ospiti.
La Samb reagisce rabbiosamente, la partita diventa più nervosa, alimentata anche nella fase centrale del match da un arbitraggio discutibile. La Futsal subisce il contraccolpo psicologico, gli ospiti gestiscono meglio e amministrano il vantaggio ma i rossoblù provano a reagire con Blankleider.

Rescia veste i panni del portiere di movimento per creare superiorità numerica alla disperata ricerca del pareggio e il gol arriva al 16’ proprio su tiro di Maxi Rescia. Animi accesi nelle fasi finali della sfida, ma il Verona sfrutta nel migliore dei modi il sesto fallo di squadra commesso dalla Futsal e con il tiro libero si porta in vantaggio con Marcio, a 2 minuti dalla fine. Il nervosismo aumenta e a 30 secondi dalla fine la Futsal si trova anche in inferiorità numerica, con l’espulsione di Da Silva.

Si chiude così il match sul 2-1 per il Verona, che fa sprofondare la Samb in una zona pericolosa della classifica, terzultimi a quota 7. Il turno di riposo sembra quanto mai opportuno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 115 volte, 1 oggi)