SPINETOLI – Il 12 dicembre, presso la Rotonda di Pagliare del Tronto, sulla via Salaria, il sindaco di Spinetoli inaugurerà due grandi sculture monumentali eseguite nel corso del Simposio Internazionale della Scultura del settembre scorso: “Nefilim”, realizzata dallo scultore albanese Genti Tavanxhiu, e l’opera dallo scultore tedesco Jo Kley. Entrambe le sculture sono state ricavate da un blocco di travertino di Acquasanta alto tre metri.
Il nome “Nefilim” dell’opera di Tavanxhiu rimanda ai miti ancestrali della civiltà del Mediterraneo: i giganti, i titani, gli angeli caduti dal cielo, citati anche nella Bibbia, mentre le forme squadrate della scultura evocano la struttura di una astronave primitiva discesa dal cielo per portare sulla terra i messaggi delle divinità. La sua configurazione spaziale in forme geometriche serrate esprime un perfetto equilibrio tra la spinta verso il CIELO e quella verso la TERRA.
L’opera è anche un chiaro omaggio al dono inteso come FUOCO cioè l’elemento primordiale dinamico della natura che viene dal cielo e genera le trasformazioni che portano alla purificazione di tutte le cose elevandole ad un livello di perfezione maggiore.
Jo Kley  ha realizzato una forma circolare che sgorga impetuosa dalla base del blocco di pietra che si espande verso il cielo e richiama simbolicamente le spirali del DNA. Nel suo impeto e slancio verso l’alto sembra esprimere il desiderio dell’uomo di staccarsi dai vincoli della terra e raggiungere la libertà del cielo. La forma cilindrica del cerchio ha evoca il dono inteso come ARIA elemento fondamentale delle forze della natura.

Genti Tavanxhiu è stato inoltre invitato dal comitato organizzatore del Premio Internazionale Limen Arte 2010 di Vibo Valentia e sarà presente alla rassegna con l’opera ”Last contact II” . L’impianto strutturale dell’opera riprende lo schema orizzontale dei nodi, tuttavia evidenzia una nuova tensione dinamica espressa attraverso forme geometriche contrapposte che raggiunge l’apice nella parte centrale ove avviene il contatto tra le due forme opposte attraverso un sottile filo che permette l’unione e lo scambio di energia vitale. In quest’opera possiamo intravedere una evoluzione stilistica nel linguaggio plastico di G.Tavanxhiu, che lo porta ad un graduale superamento del linguaggio figurativo iniziale basato sulle forme arcaico-primordiali legate ai miti della sua terra di origine, verso la ricerca di nuove soluzioni estetiche, in stile astratto-simbolico, che per il loro slancio vitale ricordano i movimenti artistici del primo Novecento europeo. La Camera di Commercio di Vibo Valentia propone il Premio Internazionale Lìmen Arte 2010, prestigioso evento artistico-culturale voluto per promuovere città e territorio e che, forte del successo già riscosso, giunge alla sua seconda edizione in un crescendo di consensi e di qualificate partecipazioni. Il Premio Internazionale Lìmen Arte verrà inaugurato l’11 dicembre nella splendida cornice del Palazzo Comunale Enrico Gagliardi, con la partecipazione straordinaria di Vittorio Sgarbi. Saranno presentate 93 opere d’arte contemporanea di quotati artisti nazionali ed internazionali, in mostra nello storico Palazzo Gagliardi fino al 23 Gennaio 2011.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 297 volte, 1 oggi)