Gas sottoterra. Quando scrivo che la causa maggiore dei mali italiani è l’informazione, non sbaglio di molto anzi dico una cosa non smentibile. Chiaramente mi riferisco al 99% dell’informazione italiana, quella con la “i” minuscola, quella che la gente comune chiama giornali mentre invece lo sono soltanto di nome. Di fatto non sono giornali come intesi da tutti i vocabolari del mondo.

Addirittura per il caso che sto per citarvi si riscontrano gravissime omissioni, da parte del Il Messaggero, pagina locale di San Benedetto, che non rendono merito a chi il giornalismo cerca di farlo seriamente da oltre dieci anni, il sottoscritto e i suoi redattori.

Vengo al punto. Nel riportare un comunicato di Pino Marucci del Fli, così il quotidiano romano lo ha trasformato negando la realtà e quindi la verità. Anche chi non ha mai scritto su un giornale capirebbe che c’è qualcosa sotto ma qui il gas non c’entra.

Ecco lo stralcio del testo e come è stato pubblicato a firma di Franco Cameli.

Il comunicato: “La sera del lontano 20/10/2006 il Telegiornale delle Marche messo in onda da RAI 3 diede notizia della messa in vendita del sottosuolo di San Benedetto del Tronto. Il servizio di Francesca Alfonsi diceva che “per ordine del Governo l’ENI mette in vendita, tra il suo patrimonio, anche il sottosuolo di San Benedetto del Tronto, perché possa diventare uno stoccaggio di gas, il più grande d’Europa.”Giuseppe Buscemi sul settimanale Riviera Oggi  del  23/10/2006,  in un articolo, entrando nei meandri del web, svela un documento del Ministero Dello Sviluppo Economico che tratta di conversione in stoccaggio di giacimenti in fase avanzata di coltivazione  con una minuziosa descrizione del giacimento di San Benedetto del Tronto“.

La traduzione del giornalista: “Già nel 2006 –afferma Pino Marucci di Fli – un articolo nei meandri del web svelava un documento del Ministero dello Sviluppo Economico che trattava di conversione” e così via, lasciando intendere il falso e cioè che Giovanni Gaspari, o chi per lui, per sapere della cosa si sarebbe dovuto addentrare nei “meandri del web”. Stravolgimento del contenuto che spinge il lettore comune (ingannato) a pensare che non era poi così facile esserne a conoscenza. Sindaco quindi semi giustificato. Ma non è così.

Infatti, secondo me c’è malafede perché, se così non fosse, l’articolista (e quindi il giornale dove scrive di conseguenza) avrebbe dato un esempio di giornalismo che peggiore non si può, da Corriere dei piccoli con il rischio di offfendere quest’ultimo. Il comunicato era chiarissimo e la traduzione giornalistica ha completamente ignorato il suo contenuto reale.

Ecco perché: la notizia nel comunicato di Marucci era stata riportata in home page su questo giornale on line nella giornata di domenica scorsa. Magari un pessimo giornalista può anche non averci fatto caso. Seconda cosa e la più grave: la pubblicazione cartacea dell’articolo di quattro anni fa aveva come titolo: IL NOSTRO SOTTOSUOLO E’ IN VENDITA e sottotitolo: Un gigantesco degassificatore nelle viscere della città. Il tutto in copertina a colori del nostro settimanale Riviera Oggi uscito il 20 ottobre 2006 nelle edicole di San Benedetto del Tronto e non di Dubai (con tanto di locandina). Un pessimo giornalista può magari continuare a non essersene accorto. E anche un pessimo sindaco potrebbe non essersene accorto.

Per aggiornarli, come foto, allego di nuovo la copertina a questo mio DisAppunto che più disappunto non si può. Nel titolo ho messo tra virgolette il nome dell’editore di un colosso editoriale come Il Messaggero fondato nel 1878 perché certe omissioni da “giornali di rione” non rendono merito alla storia del giornale romano anche se l’episodio non è né unico nè raro.

Tanto dovevo per i nostri lettori e per la mia redazione che si è giustamente offesa e indignata alla luce di quanto riportato dal nostro concittadino Franco Cameli. A voi che leggete, come sempre la possibilità di analizzare ed anche contestare quanto ho appena esposto, con una rabbia che non avevo da tanto tempo. Neanche per i vari “copia e incolla”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 398 volte, 1 oggi)