Ingredienti

Per 12 brioche

330 g di farina manitoba

200 g di burro

40 g di zucchero

1 cucchiaino e mezzo di sale fino

4 uova

15 g di lievito di birra

3 cucchiai di latte

Per guarnire

Un tuorlo d’uovo e granella di zucchero. Fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente per almeno 2 ore. In una ciotola unite la farina setacciata, lo zucchero e il sale. Aggiungete le uova una per volta mescolandole con una frusta elettrica. Intiepidite leggermente il latte in un pentolino, spegnete il fuoco e fatevi sciogliere il lievito di birra. Aggiungete il latte con lievito all’impasto, amalgamate. Unite il burro fatto a fiocchetti e lavorate il composto fino a che non risulti omogeneo ed elastico. Formate una palla, copritela con un panno e fatela riposare per 1 ora in un luogo caldo e asciutto (va bene nel forno spento). Lavorate la palla lievitata fino a farla diventare un cilindro con un movimento che va dal centro all’estremità dell’impasto. Dividetelo in 12 parti uguali e formate delle palline facendo roteare l’impasto sotto il palmo della mano (per regolarvi con la dimensione, tenete presente che il volume della pallina raddoppia dopo la lievitazione). Disponete le palline ben distanti una dall’altra su una teglia foderata con carta forno, coprite con un panno e lasciate lievitare per 2 ore. Spennellate le brioche con il tuorlo d’uovo e ricoprite la superficie con la granella di zucchero. Infornate a 180° (forno preriscaldato) per 15 minuti.

L’alternativa

Questo impasto va bene anche per preparare brioche salate. Basta solo eliminare la granella di zucchero nell’ultimo passo della preparazione. Potete farcire questi piccoli sandwich con prosciutto crudo e formaggio.

Il bicchiere giusto

Una spremuta d’arance è l’ideale per accompagnare queste briochine a colazione. Se volete gustarle a fine pasto, potete accompagnarle con un fresco calice di Moscato d’Asti.

La lievitazione perfetta

Le brioche sono uno dei dolci più temuti da preparare in casa. Il motivo? La paura della lievitazione. La prima regola del gioco per un impasto lievitato alla perfezione è il tempo. Non possiamo avere fretta quando abbiamo a che fare con una brioche. Esistono diversi tipi di lievito (lievito madre o naturale, lievito di birra, lievito in polvere istantaneo) ma ognuno di essi altro non fa che attivare una fermentazione con lo zucchero e l’aria e produrre un aumento del volume del nostro impasto. Il caldo, lo zucchero e l’aria secca sono amici della lievitazione. Il freddo, il sale e l’olio no. Anche la farina giusta è importante per una buona riuscita del nostro impasto. La manitoba è una farina ideale per le lievitazioni lunghe (pane, pizza) poiché il suo elevato contenuto di proteine rende l’impasto più elastico.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 181 volte, 1 oggi)