ASCOLI PICENO – Economia e solidarietà: al Caffè Lorenz, sabato 4 dicembre, Fabio Armellini, Matteo Meletti e Luca Vallorani, rispettivamente presidente, vice-presidente e responsabile logistico della Round Table 27 di Ascoli hanno illustrato le iniziative di solidarietà che caratterizzeranno i festeggiamenti per il trentennale della Tavola ascolana: in particolare, tra le tante manifestazioni, si è voluta ricordare la raccolta di fondi che si sta effettuando per la ricostruzione dell’Aquila.

Il trentennale anniversario è stato enfatizzato dalla presenza in città di numerosi tabler, provenienti dall’Italia centrale e della Sardegna, intervenuti per la III riunione di IV zona di Round Table Italia, che si è svolta nelle giornate del 4 e 5 dicembre. Tanti sono stati gli appuntamenti organizzati per far conoscere le meraviglie del capoluogo piceno agli ospiti: visite guidate al centro storico e in Pinacoteca, cena di gala a Villa Sgariglia e degustazioni di prodotti tipici.

Durante l’incontro il presidente ha, anche,  ricordato gli scopi e la natura dell’ associazione: un service club, cioè un gruppo persone formalmente organizzato che intrattiene, sulla base di valori condivisi, rapporti di amicizia all’interno del club stesso e che si impegna a sviluppare progetti per il bene collettivo. L’azione pubblica dei tabler si indirizza a scopi umanitari, sociali, sanitari, culturali ed educativi. I service club non hanno alcun orientamento religioso o politico; sono attivi anche oltre i confini nazionali e sottolineano il valore e il significato dell’amicizia.

Armellini ha proseguito il suo intervento esprimendo soddisfazione per il recente successo locale della campagna di aiuto per la ricerca sulla Fibrosi Cistica (FC), promossa dalla Round Table nazionale: ad Ascoli, i tabler in poche ore hanno venduto tante piante di ciclamini, il ricavato è stato devoluto al fondo di ricerca per la fibrosi.

Il presidente ha affermato con forza come sia fondamentale, per promuovere iniziative di successo, avere la collaborazione di tutti gli attori del territorio, sia pubblici che privati. La riunione ascolana dei tavolieri è stata così ben congegnata anche grazie alla disponibilità: del Comune, che ha  tra l’altro permesso l’utilizzo della splendida sala “De Carolis” in piazza Arringo; della Provincia; dell’Ente Quintana, che ha inviato dei magnifici figuranti abbigliati con i preziosi abiti, usati durante l’annuale, famosa rievocazione storica.

Meletti e Vallorani hanno concluso la presentazione aggregandosi e ribadendo con convinzione quanto detto da Armellini: l’amicizia come volano di solidarietà ma anche come mezzo di promozione culturale di un territorio così bello. Questo in sostanza il messaggio lanciato da RT 27, a tutti noi la possibilità di valorizzarlo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 208 volte, 1 oggi)