OFFIDA – Dopo il notevole successo ottenuto alla prima, il Gruppo Amici dell’Arte ripropone sabato 27 novembre al teatro Serpente Aureo, il capolavoro comico di Peppino De FilippoNon è vero …. ma ci credo“.
L’autore, pur non facendo mancare momenti in cui si ride di gusto, vuol far riflettere sul fenomeno della superstizione, attuale alla sua epoca e attualissimo tutt’oggi, come lotta disperata e perdente di chi ingaggia battaglie per combattere destino e sfortuna, di chi non ha altri mezzi a propria disposizione per allontanare i colpi sinistri della sorte, se non quelli di ricorrere a sotterfugi e scongiuri.

La superstizione del commendator Gervasio Savastano non conosce limite, tutto sembra congiurare contro di lui e i suoi affari: i venerdì, i gatti neri, quello iettatore patentato del ragioniere Malvurio annidato tra i suoi dipendenti. Savastano non sa più che fare, o forse sì: licenzia Malvurio e mette al suo posto Alberto Sammaria, uno che dalla sua ha una gobba che promette ogni bene e fortuna: infatti basta guardarla ed ecco che affari e finanze ripartono a gonfie vele. Anche la figlia del commendatore sembra aver ritrovato la serenità, il giovane di cui era perdutamente innamorata è diventato un lontano ricordo. Tutto sembra filare liscio, ma anche questa volta un incubo sconvolge i sogni del commendatore.

Informazione e prenotazioni: Monja Malavolta – Corso Serpente Aureo, 89 – Offida – Telefono 0736/888616

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 134 volte, 1 oggi)