SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Giovedì mattina la Guardia Costiera ha compiuto un’operazione contro la pesca illecita con attrezzature non consentite.

I Militari hanno intercettato, lungo il litorale di Pedaso un natante da diporto con due persone a bordo intenti a salpare alcune reti da posta, le operazioni sono state seguite via terra anche con l’ausilio di un visore notturno in dotazione alla Capitaneria di Porto.
A seguito dell’accertamento è stato elevata a carico dei pescatori sportivi una contestazione verbale ai sensi degli art. 137 e 138 del DPR 1639/68 e art. 15 lett. a) e b) della legge 963/65, per aver esercitato l’attività di pesca sportiva in zona vietata con attrezzi non consentiti (è prevista per la fattispecie una sanzione amministrativa pari a mille euro).
Si è proceduto al sequestro dell’intero prodotto pescato (15 chili di varie specie) e degli attrezzi utilizzati (850 metri di reti da posta).
Il prodotto sequestrato dopo una verifica da parte del Servizio Veterinario dell’Asur 12 è stato donato in beneficenza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 512 volte, 1 oggi)