SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nuova sorpresa sul fronte del regolamento comunale per le occupazioni di suolo pubblico. Il prossimo consiglio comunale del 29 novembre sarà chiamato ad approvare una delibera che prevede l’estensione di alcune deroghe anche agli esercizi commerciali non ricadenti nel centro città; inoltre i consiglieri potranno votare l’estensione fino al 31 gennaio prossimo del termine ultimo entro il quale gli esercizi commerciali potranno adeguarsi alle nuove norme.

Il 3 novembre scorso il consiglio comunale approvò una appendice normativa al regolamento (approvato invece il 9 febbraio scorso). L’appendice indicava le tipologie di arredo per i “dehors” (spazi esterni dei pubblici esercizi) ammissibili in ciascuna zona della città, disciplinando alcune deroghe valide soltanto per i locali nelle aree centrali della città (via XX Settembre, viale Secondo Moretti, via Montebello e zone limitrofe).

Il sindaco Giovanni Gaspari, di fronte alle polemiche dell’opposizione di sinistra (Daniele Primavera, Rifondazione) e di destra (Giorgio De Vecchis, Futuro e Libertà) manifestò la disponibilità a prendere tempo per la riflessione e rinviare l’approvazione di quella appendice normativa. Ma ne ventilò l’eventualità come una sorta di danno per gli imprenditori del commercio e dell’intrattenimento, in quanto avrebbero dovuto attendere ancora del tempo per adeguarsi alle nuove regole e investire in nuove strutture.

Ora però l’amministrazione comunale sembra aver cambiato nuovamente idea, su due fronti.

Fronte uno: si intende estendere le deroghe anche al resto della città, quindi non solo ai locali del centro

Fronte due: viene dato ancora più tempo agli imprenditori per adeguarsi alle nuove norme. Viene infatti individuata una ulteriore proroga fino al 31 gennaio prossimo del termine per “l’adeguamento delle occupazioni relative agli esercizi di somministrazione”. Una proroga di altri due mesi, visto che il precedente termine era il 30 novembre, così come fissato dalla delibera consiliare 83 del 27 settembre scorso.

Per Daniele Primavera, appena dimessosi dal ruolo di presidente della commissione consiliare Commercio, è il momento di commenti caustici: “Non ho davvero parole di fronte a questo atteggiamento. Mi sembra proprio che si sia perso un mese. Il 3 novembre il sindaco parlò di danni incombenti di fronte a una ulteriore riflessione. Ora si approverà una modifica al regolamento che va proprio nella direzione che avevo indicato io un mese fa. Se fossi un consigliere di maggioranza mi sentirei preso in giro”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 169 volte, 1 oggi)