SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ha voluto ricordare il sacrificio del maresciallo dei Carabinieri Luciano Nardone e dell’appuntato Isaia Ceci la cerimonia di lunedì 22 novembre davanti alla stele in piazza Nardone.

Alla commemorazione delle due vittime dei tedeschi durante la seconda Guerra mondiale (il 28 novembre 1943), hanno preso parte anche il sindaco Gaspari, il comandante della compagnia dei Carabinieri di San Benedetto Giancarlo Vaccarini, il comandante di stazione Cameli, e i rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’Arma, compresi Tito Alessandrini e Lelio Uncini per l’Anpi.

È stato Elbano Bovara, dell’associazione nazionale Carabinieri, a ricordare il sacrificio di Nardone e Ceci. ll primo fu ucciso nel tentativo di difendere dai nazisti un magazzino in cui si trovano viveri da distribuire alla popolazione, il secondo nell’atto di lanciarsi contro il tedesco che aveva ferito a morte il proprio superiore.

Alla memoria dei due militari fu poi conferita la medaglia d’argento al valor militare. Dopo la cerimonia è stata celebrata la messa nella cattedrale Madonna della Marina, in onore della “Virgo Fidelis”, patrona dell’Arma dei Carabinieri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 124 volte, 1 oggi)