AGNONE – Clamorose dichiarazioni del presidente della Samb Sergio Spina al termine della sfortunata trasferta di Agnone, dove la Samb ha perso 2-1: “Io ci credo, fra dieci giorni riprende il calciomercato e io ci metto la mano sul fuoco, anche se sembra assurdo. Io sto qui per vincere il campionato, ma anche se dovessi vincerlo io a giugno lascerò la Samb. E’ una situazione che mi sta creando troppi problemi, sono troppo appassionato e ne soffro a livello di salute, sto persino litigando con tanti miei amici. Lascerò la Samb in buone mani, a persone fidate”.

Sergio Spina poi torna sulla tanto dibattuta questione dell’avvicendamento fra Palladini e Giudici a inizio campionato. “Mi assumo le mie responsabilità, se tornassi indietro consegnerei a Giudici una squadra diversa ed ho sbagliato a dare fiducia a Palladini”.
Il senso delle sue dichiarazioni, poi precisate a chi scrive, è questo: massimo rispetto per Palladini come uomo e come tecnico, per giunta vincitore di un campionato l’anno scorso. Ma la testa, a Spina, “gli diceva” di prendere subito Giudici, a inizio campionato. La testa e il cuore. Non ha ascoltato nè testa nè cuore, e ora se ne pente. Questo è quanto. Ma noi diciamo: forza presidente, non mollare, altrimenti c’è il forte rischio che molli pure la Samb. E non ce lo possiamo permettere, perché nulla ancora è perduto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.516 volte, 1 oggi)