ASCOLI PICENO – Un ambientalista, un amico degli alberi e un amante della bicicletta: era questo e molto di più Luigi Paracciani, scomparso lo scorso aprile, alla cui memoria è dedicata la biciclettata “Luigi, ci manchi…”, organizzata ad Ascoli per domenica 21 novembre, in occasione della Festa dell’Albero 2010.

L’iniziativa è organizzata da Legambiente Ascoli Piceno e dagli Amici della bicicletta , con il sostegno del Centro servizi per il volontariato. Il ritrovo è previsto alle 9:45 in piazza Arringo per terminare con una sosta alla tomba di Paracciani, vicino alla quale sarà piantato un arbusto,mentre sempre in piazza Arringo, verrà allestita una mostra fotografica di Enzo Morganti, dedicata allo scomparso ascolano.

In città è ricordato come  “un piccolo, grande uomo” che si è battuto strenuamente, lo scorso anno, per non abbattere l’abete rosso di via Barro, incatenandosi per ben cinque volte all’albero nonostante i suoi 80 anni. L’abete, salvo grazie al suo intervento, sarà addobbato per le feste di Natale. L’impegno di Luigi per l’ambiente e per la città di Ascoli è comunque cominciato fin dal 1960. Tra le sue “battaglie” più importanti ci fu quella a fianco di don Giuseppe Sergiacomi, parroco di San Tommaso, quando fece in modo di far abbattere un vecchio e decadente edificio dinanzi alla chiesa, dando vita così all’attuale piazza San Tommaso mentre a metà degli anni 70′ si impegnò nella raccolta firme per non far edificare il supercarcere presso la Fortezza Pia, come già era stato deliberato dal Consiglio Comunale di quel tempo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 73 volte, 1 oggi)