SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il 17 novembre un uomo di mezza età è riuscito ad intrufolarsi nell’ufficio del Giudice di Pace di San Benedetto e con fare del tutto privo di buone intenzioni, avrebbe minacciato e ingiuriato il magistrato che dopo il fatto ha sospeso gli incontri in agenda. L’uomo è stato allontanato dalle forze dell’ordine senza opporre resistenza.

Secondo le prime testimonianze, è stato un fatto isolato quello accaduto nella mattinata del 17 novembre, quando un uomo di mezza età sarebbe entrato negli uffici del Giudice di Pace presso il Palazzo di Giustizia in via Palmiro Togliatti, con l’intento probabilmente di intimorire il magistrato occupato a svolgere le sue regolari funzioni. Dopo attimi di concitato “nervosismo” l’uomo sembrerebbe aver raggiunto la calma e all’arrivo delle forze dell’ordine senza opporre resistenza è stato allontanato dai pubblici uffici.

Al’indomani dell’accaduto, nei corridoi della sezione Civile del Tribunale sambenedettese  tutto è sembrato procedere come al solito. Di quel fatto è rimasto solo un avviso affisso sulla porta del giudice coinvolto che ricorda la propria impossibilità fisica a svolgere udienza dopo gli accadimenti del giorno precedente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 768 volte, 1 oggi)