SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Sono pronto a cambiare tutto lo staff tecnico, ma Giudici è il mio punto fermo”: Sergio Spina è intervenuto così nella trasmissione YouSamb, andata in onda su RivieraOggi.it lunedì pomeriggio (è possibile vedere la differita integrale). Dichiarazioni perentoria del presidente che, a 15 giorni dall’atteso calciomercato, si affida al suo allenatore, il quale continua a ripetere: “La squadra c’è, è buona, abbiamo alcuni piccoli problemi che però risultano ingigantiti a causa della classifica e delle regole della Serie D”.

Ecco allora che i prossimi due incontri sono decisivi, soprattutto domenica prossima, nella non semplice trasferta contro l’Olympia Agnonese, e poi in casa, il 28 novembre, con l’Atletico Trivento. Come a scuola, alcuni giocatori, under e over, saranno valutati, in modo che, chi al momento è dietro la lavagna, abbia la possibilità di riscattarsi. E gli intendimenti di Giudici saranno eseguiti: Spina vuole vincere questo campionato ma anche arrivare al secondo posto potrebbe aprire le porte alla promozione.

Sotto esame gli under, ovviamente, anche perché dalle statistiche sono proprio loro ad aver giocato di più, quando logica avrebbe voluto invece che i giovani avessero la possibilità di essere ruotati attorno al nucleo over. E’ accaduto il contrario a causa di scelte non felici e i molti infortuni. Naturalmente si cercherà di intervenire nei ruoli di portiere e terzini, anche se difficilmente Lima, Nicolosi e Zero verranno ceduti: piuttosto, l’obiettivo è quello di avere, in quei ruoli, valide alternative.

Riguardo il modulo di gioco, Giudici è convinto che questa squadra dia il meglio di sé con il 4-3-3, schema con il quale aveva raccolto 12 punti in 6 partite (10 nelle prime 4), compromesso poi da banalissimi errori difensivi (si ricorda il 2-2 con Santegidiese e il 2-2 con il Real Rimini). E qui inizia l’incastro del mercato.

Attualmente la Samb gioca con un difensore prestato al centrocampo (Ogliari), un regista non incontrista in non buone condizioni fisiche (Oresti), un incontrista (Rulli), e un centrocampista in partenza titolare ma di fatto sfortunato a causa di una serie di infortuni (D’Aniello). Nelle intenzioni di Giudici Ogliari dovrebbe tornare in difesa, e i tre centrocampisti sono troppo pochi per un reparto che ha bisogno di tre uomini, oltretutto senza nessun under in grado di aiutarli. E senza dimenticare che uno solo, dei tre, ha le caratteristiche proprie della Serie D: corsa, corsa, corsa.

Ecco allora l’esigenza di trovare un “nuovo” Rulli, e alternare D’Aniello e Oresti in regia, oppure gestire in maniera migliore dei ricambi che, fino ad ora, non ci sono stati. Un under affidabile, comunque, deve essere preso.

In attacco un posto è per D’Angelo-Grieco, l’altro, quello di punta centrale, per il tandem Pazzi-Covelli (potrebbero giocare assieme a gara in corso o in casi particolari). Resta l’esterno destro. Per questo posto ci sono, al momento, Zazzetta, Di Vicino e Bianchi. Rischiano di essere troppi.

Allora si deciderà o di riportare Zazzetta in difesa (ma poi bisogna acquistare un “over” di ricambio…) e puntare su un altro under offensivo (un pallino di Spadoni resta sempre l’ex Fermana Petrucci, ora ad Ascoli: ma anche in questo caso ne servirebbe un altro dello stesso anno nello stesso ruolo), oppure alternare uno tra i tre. E alla fine il rischio sia che tra Di Vicino e Bianchi uno dei due perda il posto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.171 volte, 1 oggi)