dal settimanale Riviera Oggi numero 845 del 3 novembre 2010

GROTTAMMARE – Oramai sono mesi che il cartello posizionato davanti alla chiesa Madonna della Speranza di Grottammare annuncia “Nasce la nuova piazza”. Ma i lavori sono fermi da tanto tempo e non accennano a riprendere. Abbiamo deciso di sentire i diretti interessati, l’ufficio Urbanistica del Comune e il parroco Don Anselmo Fulgenzi.
Il funzionario comunale, l’ingegnere Marco Marcucci, ci ha spiegato come mai i lavori di riqualificazione non sono stati ancora ultimati, nonostante la chiesa sia stata inaugurata nel 2005.

“Nella lottizzazione – ricorda Marcucci – era inizialmente prevista la costruzione di un edificio commerciale proprio davanti alla chiesa. Per favorire una maggior visibilità alla parrocchia si è deciso, in un secondo momento, di posizionarlo in un altro punto della lottizzazione. Per permettere questa modifica era necessaria una variante al piano regolatore che purtroppo avrebbe fermato i lavori per quasi un anno. A quel punto si è deciso di dividere l’area in due lotti, una parte dedicata alla chiesa e una alla costruzione di palazzine residenziali e popolari. Così facendo, la ditta Adriatica ha potuto continuare a lavorare nella zona destinata alle abitazioni senza aspettare il nuovo piano regolatore”.
Secondo l’ingegnere i lavori nel lotto dedicato alla chiesa sono poi proseguiti, “tanto che è stata già collaudata la strada che permette l’accesso alla parrocchia”.
Grazie ad un sopralluogo abbiamo però verificato che nella strada di cui parla il funzionario del Comune sono presenti ancora le transenne.

A questo punto abbiamo sentito il parroco, don Anselmo, che ci ha confermato che l’accesso alla chiesa, dalla strada Valtesino, è pronto da quasi un anno, ma non si sa bene perché non è ancora fruibile.
Interpellato poi sulla questione piazza il sacerdote ha commentato ironicamente: “Aspettando Godot, ma Godot non arrivò”.
Don Anselmo, citando il titolo dell’opera teatrale di Samuel Beckett, riassume la mancanza di speranza rispetto alla promessa di realizzare la piazza per l’estate prossima: “Ogni anno è così, dicono, dicono ma poi tutto rimane fermo”
Fino a quando non ricominciano i lavori, il parroco non intende intervenire ulteriormente: “Già i problemi ordinari della parrocchia mi fanno correre da mattina a sera. Sono un sacerdote, non un politico”.
Chi ha puntato fortemente il dito su questa vicenda è stata invece l’associazione La Formica che ha richiesto nel luglio scorso un incontro con il sindaco di Grottammare, Luigi Merli.
Le richieste di Simone Incicco, presidente dell’associazione, erano state due: che la piazza venisse realizzata anche in parte, lasciando le giuste distanze per non creare difficoltà al cantiere e che il campetto sportivo polifunzionale previsto sul terreno ceduto dalla ditta Adriatica al Comune nel 2006 venisse risistemato dall’ente comunale a beneficio della collettività. Merli, secondo il racconto di Incicco, rispose che nonostante la ditta avesse ancora tutti i tempi per realizzare l’opera, fino a 10 anni, si era impegnata entro i prossimi mesi a realizzare la piazza così da renderla fruibile dai cittadini. Mentre per il campetto dichiarò che sarebbe stato sistemato dal Comune verso il mese di ottobre, perché a luglio gli operai comunali stavano seguendo altri lavori urgenti e tramite una convenzione sarebbe stato concesso alla parrocchia Madonna della Speranza.

Siamo ormai a novembre ma i lavori non sono ripresi. Augurandoci ulteriori esiti, anche noi, per citare il parroco, “Aspettiamo Godot”. Sperando che arrivi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 609 volte, 1 oggi)